News
domenica, 1 gennaio 2006

Andy Garcia, regista per la prima volta con “The Lost City”

di Redazione
(KIKA) – LOS ANGELES, 24 APRILE – Andy Garcia debutta alla regia con “The Lost City”, un tributo storico alla sua terra, Cuba, che arrivera’ nelle sale americane il prossimo 28 aprile. Il film, di cui la star di “Modigliani” e’ anche produttore e regista, e’ ambientato all’Havana  e racconta il passaggio da citta’ di […]
Andy Garcia - Los Angeles - 17-04-2006 - Andy Garcia, regista per la prima volta con “The Lost City” Andy Garcia - Los Angeles - 17-04-2006 - Andy Garcia, regista per la prima volta con “The Lost City” Andy Garcia - Los Angeles - 17-04-2006 - Andy Garcia, regista per la prima volta con “The Lost City” Ines Sastre, Andy Garcia - Los Angeles - 17-04-2006 - Andy Garcia, regista per la prima volta con “The Lost City” Ines Sastre, Bill Murray, Andy Garcia - Los Angeles - 17-04-2006 - Andy Garcia, regista per la prima volta con “The Lost City”
(KIKA) – LOS ANGELES, 24 APRILE – Andy Garcia
debutta alla regia con "The Lost City", un tributo storico alla sua
terra, Cuba, che arrivera' nelle sale americane il prossimo 28 aprile. Il film,
di cui la star di "Modigliani" e’ anche produttore e regista, e’
ambientato all’Havana  e racconta
il passaggio da citta’ di perdizione, durante il regime di Batista, a societa’
marxista, repressiva e puritana, per mano di Fidel Castro, che dimessi i panni
del rivoluzionario, si trasforma in un dittatore. La storia ruota attorno alla
vita di tre fratelli che si ritrovano coinvolti nella rivoluzione e che da essa
saranno distrutti. Luis, sposa gli ideali della rivoluzione introdotta a Cuba
da Ernesto Che Guevara e Castro, ma, dopo essere stato scoperto, e’ ucciso dalle
forze di Batista; Ricardo sceglie anche lui di militare a favore di Castro,
pero’, quando il rivoluzionario si rivela solo un uomo assetato di potere,
preferisce togliersi la vita. E, infine, c’e’ Fico (Garcia), proprietario del
nightclub “El Tropico”, che non si lascia coinvolgere dalle questioni
politiche, ma che assiste impotente alla confisca del suo locale da parte delle
forze castriste. Il film e’ la storia di questa famiglia, i Fellove, ed e’
simile alla storia di tutte quelle famiglie che dalla rivoluzione escono a
pezzi. Fico, infatti, cerca con umana e inutile disperazione di non perdere
quello che ha di piu’ caro, dal lavoro, alla famiglia, all’amore di Aurora
(Ines Sastre). Sconfitto, prova a rifarsi una vita a New York. Il film, che e’
stato girato tra Puerto Rico, Miami Beach e New York, ha nel cast Dustin
Hoffman, nel ruolo di Meyer Lanskyun, uno dei tanti malfattori che
contribuirono alla diffusione della prostituzione nella vita notturna
dell’Havana durante il corrotto regime batista.
Ultime in News
News correlate