Musica
martedì, 23 ottobre 2012

Muse: con i concerti non rientriamo dei costi organizzativi

di Simona Foti
"Ma non vogliamo aumentare i prezzi per i biglietti"
Dee Dee, Dee Dee Bridgewater, Muse - Los Angeles - 15-02-2011 - Muse: con i concerti non rientriamo dei costi organizzativi Muse - Los Angeles - 21-11-2010 - Muse: con i concerti non rientriamo dei costi organizzativi Muse - Los Angeles - 15-02-2011 - Muse: con i concerti non rientriamo dei costi organizzativi Muse - Los Angeles - 15-02-2011 - Muse: con i concerti non rientriamo dei costi organizzativi Muse - Londra - 22-10-2012 - Muse: con i concerti non rientriamo dei costi organizzativi Matthew Bellamy, Muse - Madrid - 21-10-2012 - Muse: con i concerti non rientriamo dei costi organizzativi Muse - West Yorkshire - 26-08-2011 - Muse: con i concerti non rientriamo dei costi organizzativi
(KIKA) – LOS ANGELES, 23 OTT – I Muse non si arricchiscono con i concerti, nonostante i fan accorrano numerosi per applaudirli. Anzi, pare proprio che non ci guadagnino nulla, almeno secondo quanto dichiarato dal bassista Christopher Wolstenhome al Daily Star: “Non rientriamo sempre nei costi sostenuti per organizzare il concerto. Potremmo farlo se alzassimo i prezzi dei biglietti, ma abbiamo sempre preferito mantenerli bassi per permettere a quanta più gente possibile di venirci a sentire. I costi della produzione sono tuttavia molto alti. Potremmo ridurli, ma per noi è più importante e gratificante suonare dal vivo, piuttosto che arricchirci”. (SF)
Ultime in Musica
News correlate