Sport
martedì, 19 agosto 2014

Antonio Conte nuovo CT dell’Italia: ecco la firma

di Simona Foti
"Sono molto emozionato. Tutti vorrebbero essere al mio posto"
Antonio Conte - Roma - 19-08-2014 - Antonio Conte nuovo CT dell’Italia: ecco la firma Antonio Conte - Roma - 19-08-2014 - Antonio Conte nuovo CT dell’Italia: ecco la firma Antonio Conte - Roma - 19-08-2014 - Antonio Conte nuovo CT dell’Italia: ecco la firma Antonio Conte - Roma - 19-08-2014 - Antonio Conte nuovo CT dell’Italia: ecco la firma Antonio Conte - Roma - 19-08-2014 - Antonio Conte nuovo CT dell’Italia: ecco la firma Antonio Conte - Roma - 19-08-2014 - Antonio Conte nuovo CT dell’Italia: ecco la firma Antonio Conte - Roma - 19-08-2014 - Antonio Conte nuovo CT dell’Italia: ecco la firma Antonio Conte - Roma - 19-08-2014 - Antonio Conte nuovo CT dell’Italia: ecco la firma Antonio Conte - Roma - 19-08-2014 - Antonio Conte nuovo CT dell’Italia: ecco la firma Antonio Conte - Roma - 19-08-2014 - Antonio Conte nuovo CT dell’Italia: ecco la firma Antonio Conte - Roma - 19-08-2014 - Antonio Conte nuovo CT dell’Italia: ecco la firma Antonio Conte - Roma - 19-08-2014 - Antonio Conte nuovo CT dell’Italia: ecco la firma Antonio Conte - Roma - 19-08-2014 - Antonio Conte nuovo CT dell’Italia: ecco la firma Antonio Conte - Roma - 19-08-2014 - Antonio Conte nuovo CT dell’Italia: ecco la firma Antonio Conte - Roma - 19-08-2014 - Antonio Conte nuovo CT dell’Italia: ecco la firma Antonio Conte - Roma - 19-08-2014 - Antonio Conte nuovo CT dell’Italia: ecco la firma Antonio Conte - Roma - 19-08-2014 - Antonio Conte nuovo CT dell’Italia: ecco la firma
ROMA - Oggi è ufficiale: Antonio Conte è il nuovo Commissario Tecnico della Nazionale italiana di calcio. Una qualifica che però va stretta all'ex allenatore della Juventus, che durante la conferenza stampa ripresa da Vivo Azzurro, il portale FIGC, ha infatti dichiarato: "Preferisco sentirmi un allenatore, più che un ct. Vorrei esserlo di tutto il popolo italiano".

Sicuramente vorrà esserlo per i giocatori convocati: Antonio Conte ha ribadito che nessuno ha il posto assicurato e che si augura che i giocatori abbiano sempre la tensione che precede la convocazione, sottolineando di preferire "25 giocatori che hanno voglia ma magari sono un po' più scarsi rispetto a chi dà per scontata la convocazione". E alludendo a quei giocatori convinti di essere sempre nel novero ha aggiunto: "La convocazione bisogna meritarla, dentro e fuori campo. Io scelgo un grande uomo prima di un buon calciatore" e "A prescindere non verrà convocato nessuno, sia chiaro. Tutti dovranno meritare questa maglia".

Sono passati solo 35 giorni dal suo inaspettato addio alla Juventus e Conte ammette che la chiamata del presidente FIGC Carlo Tavecchio è stata altrettanto inattesa: "Non pensavo di rientrare subito in pista dopo Juve. Volevo aggiornarmi e migliorare le lingue e aspettare un top club", ma alla Nazionale non si può dire certo di no: "Sono molto emozionato. Tutti vorrebbero essere al mio posto".

A chi gli chiede se in Nazionale lavorerà più tranquillo grazie alla minore pressione a vincere, Antonio Conte risponde lapidario che "Io vivo per la vittoria. Quando perdo per me è una morte apparente. Qui voglio portare la mia mentalità. La vittoria sia una dolce condanna anche per la Nazionale".

Rispetto alla formula mista con cui verrà pagato, che supera il tetto dei manager pubblici, Antonio Conte rassicura che "Il mio contratto rientra nei parametri Figc. A differenza dei miei predecessori ho ceduto tutti i diritti d'immagine" e riguardo alle eventuali pressioni degli sponsor che "Chi conosce Conte sa che niente e nessuno potrà impormi nulla", concludendo: "La polemica sui soldi mi interessa poco. Comunque risponderò con i fatti"

Ultime in Sport
News correlate