martedì, 30 ottobre 2012

Sarah Paulson: “Gli attori devono recitare, non far politica”

di Beatrice Belli
L'attrice di American Horror Story sui colleghi troppo politicizzati
Sarah Paulson - Los Angeles - 15-01-2012 - Sarah Paulson: “Gli attori devono recitare, non far politica” Sarah Paulson - Hollywood - 14-04-2007 - Sarah Paulson: “Gli attori devono recitare, non far politica” Sarah Paulson - Los Angeles - 23-09-2012 - Sarah Paulson: “Gli attori devono recitare, non far politica” Sarah Paulson - Los Angeles - 23-09-2012 - Sarah Paulson: “Gli attori devono recitare, non far politica”
In occasione delle imminenti elezioni presidenziali negli USA, si è creato un grande dibattito su quanto sia etico da parte delle personalità del mondo dello spettacolo e dello sport parlare del proprio orientamento politico per influenzare il voto dei fan, specialmente in un'epoca, come quella attuale, dove il contatto tra i VIP e i loro sostenitori, grazie ai social media, è diventato pressoché immediato.

Abbiamo chiesto cosa ne pensa al riguardo a Sarah Paulson, una delle attrici protagoniste di American Horror Story che l'anno scorso ha recitato anche in Game Change, il tv movie vincitore di 5 Emmy Awards che ripercorre la campagna presidenziale del 2008 del Sen. McCain e vede come protagonista Julianne Moore nei panni di Sarah Palin.

La Paulson ritiene di essere molto attenta alla vita politica del Paese da molto prima del film: "Ai tempi della Palin ero letteralmente incollata alla televisione e ai giornali! Sono molto attenta a cosa succede in politica e ho molto chiara la situazione politica attuale". E di certo non fa segreto del suo credo politico: "Sono felice che Barack Obama sia stato riconfermato Presidente degli Stati Uniti".

Ritiene però che ci sia una linea di professionalismo che gli attori non dovrebbero varcare nell'esporre le loro idee.

"Credo che gli attori debbano fare gli attori e recitare. Addentrarsi troppo in questioni politiche è sempre rischioso perchè ci sono persone là fuori che sono letteralmente ossessionate dalle loro celebrità preferite, al punto che se ne conoscessero l'orientamento politico potrebbero benissimo adottarlo come proprio!". Aggiunge poi ridendo: "Certo, se questo dovesse aiutare la campagna Democratica allora benvenga! Ma se finisse per favorire l'altra fazione allora no!" scherza l'attrice.

"Battute a parte, sono ben consapevole del potere che hanno le celebrità nell'influenzare le decisioni delle persone, ma mi piacerebbe davvero che la gente fosse in grado di farsi la propria opinione senza farsi influenzare dall'esterno, che ci si possa basare più sui fatti, quelli veri, e non su quello che raccontano MSNBC o Fox News! Ma sembra che ormai i tempi in cui riuscivi a guardare un telegiornale e a ricevere un'informazione o una notizia per quelle che erano sia finito, è diventato così difficile trovare una visione dei fatti che sia imparziale! In questo modo è davvero tosta capire quale sia la verità..."

Praticamente lo stesso problema di cui parla anche Aaron Sorkin nella sua serie The Newsroom. "Esatto!" si illumina Sarah "Sono una grande fan di quella serie! Sono una grande fan di qualsiasi lavoro di Aaron, spero proprio mi chiami per una parte, prima o poi. In realtà, in maniera molto informale, mi ha già detto di unirmi allo show, ma sono convinta lo abbia fatto solo per cortesia rispondendo ad una mia mail di complimenti..."

Vi ricordiamo che Sarah Paulson è attualmente impegnata sul set della seconda stagione di American Horror Story, dove interpreta Lana Winters, una giornalista lesbica in cerca di scoop che vorrebbe scoprire gli oscuri segreti che si celano dietro l'Asylum. La serie, attualmente in onda negli Usa su Fx, sarà trasmessa in Italia su Fox a partire dal 13 febbraio 2013.

di Beatrice Belli
Ultime in America Oggi
News correlate