martedì, 10 luglio 2012

The Out: il primo hotel per omosessuali a New York

di Massimo Rosi
(KIKA) – NEW YORK – Si chiama The Out ed è il primo hotel gay friendly a New York. L’edificio si trova nel quartiere di Hell’s Kitchen e ha da poco aperto i battenti, “The Out – ha spiegato il co-proprietario Ian Reisner – non è un ghetto per persone dello stesso sesso, ma un […]
The Out - New York - 04-03-2012 - The Out: il primo hotel per omosessuali a New York The Out - New York - 04-03-2012 - The Out: il primo hotel per omosessuali a New York The Out - New York - 04-03-2012 - The Out: il primo hotel per omosessuali a New York The Out - New York - 04-03-2012 - The Out: il primo hotel per omosessuali a New York The Out - New York - 04-03-2012 - The Out: il primo hotel per omosessuali a New York The Out - New York - 04-03-2012 - The Out: il primo hotel per omosessuali a New York The Out - New York - 04-03-2012 - The Out: il primo hotel per omosessuali a New York The Out - New York - 04-03-2012 - The Out: il primo hotel per omosessuali a New York The Out - New York - 04-03-2012 - The Out: il primo hotel per omosessuali a New York
(KIKA) - NEW YORK - Si chiama The Out ed è il primo hotel gay friendly a New York. L'edificio si trova nel quartiere di Hell's Kitchen e ha da poco aperto i battenti, "The Out - ha spiegato il co-proprietario Ian Reisner - non è un ghetto per persone dello stesso sesso, ma un luogo dove la gente viene a divertirsi, progettato per rispondere totalmente alle preferenze e ai gusti dei clienti gay e lesbiche". La struttura è dotata di centocinque stanze in stile europeo e i prezzi partono da duecento dollari, Nell'hotel ci sono tre cortili interni, un centro benessere, un ristorante aperto ventiquattro ore su ventiquattro e un night club. La discoteca è stata progettata dal John Blair, ideatore dello storico Studio 54, ed è il primo locale notturno per gay aperto a New York negli ultimi quindici anni. Reisner ha spiegato che si aspetta anche una piccola percentuale di ospiti eterosessuali, ma tutto è stato pensato avendo in mente i gusti dei consumatori gay.

Ultime in America Oggi
News correlate