martedì, 5 febbraio 2013

Beppe Grillo, ecco la ricostruzione dell’incidente

di Chiara Bruschi
Le testimonianze, la cronaca e la sentenza della Cassazione
12-11-2012 - Beppe Grillo, ecco la ricostruzione dell’incidente 12-11-2012 - Beppe Grillo, ecco la ricostruzione dell’incidente 12-11-2012 - Beppe Grillo, ecco la ricostruzione dell’incidente 12-11-2012 - Beppe Grillo, ecco la ricostruzione dell’incidente 12-11-2012 - Beppe Grillo, ecco la ricostruzione dell’incidente 12-11-2012 - Beppe Grillo, ecco la ricostruzione dell’incidente 12-11-2012 - Beppe Grillo, ecco la ricostruzione dell’incidente 12-11-2012 - Beppe Grillo, ecco la ricostruzione dell’incidente 12-11-2012 - Beppe Grillo, ecco la ricostruzione dell’incidente 12-11-2012 - Beppe Grillo, ecco la ricostruzione dell’incidente 12-11-2012 - Beppe Grillo, ecco la ricostruzione dell’incidente 12-11-2012 - Beppe Grillo, ecco la ricostruzione dell’incidente 12-11-2012 - Beppe Grillo, ecco la ricostruzione dell’incidente 12-11-2012 - Beppe Grillo, ecco la ricostruzione dell’incidente Beppe Grillo, ecco la ricostruzione dell’incidente
«Ho cercato di assecondare la marcia del veicolo all’indietro, come quando si fa retromarcia, puntando verso una sporgenza di roccia del monte, dove speravo di fermarmi. Per disgrazia ho colpito quella sporgenza con la ruota di scorta esterna e la macchina ha ruotato verso il burrone. Istintivamente ho spalancato la portiera e mi sono lanciato fuori mentre la Chevrolet precipitava».

Parlava così Beppe Grillo, secondo quanto riportato da La Stampa del 22 marzo 1984, per descrivere la dinamica dell’incidente automobilistico che il 7 dicembre 1981 provocò la morte di Renzo Giberti, 45 anni, della moglie Rossana Quartapelle, 34, e del figlio Francesco, 9.

I GIORNALI DELL'EPOCA

Una tesi, quella del comico alla guida del veicolo, che convinse la corte del Tribunale di Cuneo chiamata a pronunciarsi in primo grado di giudizio (l’imputato fu assolto con formula dubitativa) ma non quelle di Appello e Cassazione, che invece si pronunciarono rispettivamente nel 1985 e nel 1988:

«La corte (…) ha individuato la colpa del Grillo nell’avere proseguito nella marcia, malgrado l’avvistamento della zona ghiacciata, mentre avrebbe avuto tutto il spazio per arrestare la marcia, scendere, controllare o quanto meno, proseguire da solo», riporta la sentenza del 7 aprile 1988 della Corte Suprema di Cassazione.

Quest’ultima aveva quindi motivato così il rigetto del ricorso formulato dall’imputato e con queste parole confermava la condanna emessa dalla Corte di Appello di Torino il 12 marzo 1985 a «un anno e due mesi di reclusione con sospensione della patente di guida per eguale periodo di tempo», poi condonata.

LA REPLICA DELLA RAGAZZA SOPRAVVISSUTA

«Credetemi, dobbiamo sempre avere fiducia nella giustizia e nell’operato della magistratura», aveva commentato a caldo, in base a quanto riportato da Gianni De Matteis su La Stampa del giorno dopo l’assoluzione in primo grado.
«In questo momento il ricordo struggente va ai poveri Renzo, Rossana e Francesco, i miei cari amici genovesi che non ci sono più. Anche se non mi sento, e anche per la magistratura non lo sono, colpevole della loro morte, l’immagine spaventosa di quel che è accaduto quel giorno a Limone non mi abbandonerà mai più».
La sentenza di assoluzione era stata accolta con un «applauso spontaneo della grande folla che dal mattino gremiva l’aula», scriveva De Matteis. In base a quanto scritto da Franco Giliberto su La Stampa il 22 marzo del 1984, Cristina Giberti, che nell’incidente aveva perso i genitori e il fratellino, «ha ricevuto dall’assicurazione quasi 300 milioni (di lire, ndr) e altri 250 da Beppe».

Che cosa accadde, davvero, quel giorno?

«Renzo Giberti, ex calciatore del Genoa, era molto tifoso», racconta Maura, sorella di Rossana, moglie di Giberti. «Lui e Beppe si conoscevano e si frequentavano da tempo.
Andavano insieme allo stadio, si vedevano nel tempo libero. Alla fine della trasmissione tv Te la do io L’America, e dopo le riprese del film Cercasi Gesù, mia sorella e mio cognato lo avevano invitato a fare questo week end per riposarsi un po’.
Quel 7 dicembre avevano comprato tartufi, vino: loro erano fatti così, gentili e ospitali. E poi erano felici perché mia sorella adorava gli spettacoli di Grillo.
Appena finito di mangiare, poiché c’era un bellissimo sole, decisero di raggiungere Baita 2000. Mio cognato conosceva molto bene quel percorso, avendo avuto la casa lì fin da piccolo, ma quella volta capitarono una serie di sfortunate coincidenze. Lui e mia sorella non salivano mai in un’automobile guidata da altri, perché non si fidavano, però Grillo aveva una nuova Chevrolet appena arrivata dall’America, e la Range Rover di mio cognato non voleva saperne di partire. Si era ingolfata. Così accettarono il passaggio. In auto, con loro e il piccolo Francesco, c'erano altri tre amici, Andrea Mambretti e Carlo Stanisci con la fidanzata Monica
».

Per raggiungere quota duemila, occorre percorrere la via Del Sale, una strada militare sterrata della larghezza media di tre metri. Sulla destra l’auto ha la parete rocciosa, sulla sinistra un burrone ripidissimo. Manca qualche centinaio di metri all’arrivo e il cane di Carlo e Monica comincia ad abbaiare, forse ha bisogno di fare una passeggiata all’aperto: i due chiedono di scendere perché vogliono proseguire a piedi.

L’incidente si consumerà davanti ai loro occhi. Poco più avanti, infatti, in corrispondenza di una curva a destra e in prossimità di una grande roccia chiamata Cabanaira, la strada diventa un lastrone di ghiaccio. Grillo tenta di superare l'ostacolo ma l'auto, invece di obbedire ai comandi, scivola e slitta all’indietro, probabilmente ingovernabile.
Dopo aver urtato la parete rocciosa con la parte posteriore dell’auto, il veicolo è ormai fuori controllo e precipita con il muso verso il burrone. Grillo spalanca la portiera e si butta prima del precipizio. Il tettuccio a pressione si stacca durante uno dei primi impatti.
Mambretti si aggrappa alla carrozzeria con tutte le sue forze, e questo gli permette di non essere sbalzato fuori se non negli ultimi metri della caduta. I Giberti invece, probabilmente presi dal disperato tentativo di proteggere il figlio, vengono catapultati all'esterno quasi subito: l’auto, in caduta giù per il burrone, travolgerà prima Francesco e poi Rossana. Grillo si rialza quasi illeso e corre verso lo strapiombo.
Cerca di prestare soccorso, ma trova Renzo moribondo e Rossana già morta. Di Francesco non c’è traccia. Il suo corpo sarà trovato dal soccorso alpino dopo due giorni e due notti di ricerche. Alberto è ferito, ma non è in pericolo di vita. Il fuoristrada, scrivono Maria Latella, Mario Bottaro e Renzo Parodi sul Secolo XIX, è «ridotto a un ammasso di rottami». Per recuperarlo «è stato richiesto l’intervento di un elicottero dei carabinieri, ma questa operazione è impossibile in quanto la jeep è troppo pesante (..).Toccherà così a una ditta privata rimuovere con cavi di acciaio e verricelli la carcassa del veicolo».

A Limone, ancora oggi, le opinioni sulla tragedia divergono: «Poteva capitare a chiunque, non è stata colpa sua. Noi quella strada la percorrevamo sempre», dicono in tanti. Altri sottolineano l'imprudenza di viaggiare con un'auto così pesante, in pieno inverno, senza catene, su un percorso che non siconosce e dove la presenza di ghiaccio è quasi scontata.
La Via del Sale è una vecchia strada militare che unisce Limone Piemonte alla Francia. La percorriamo, con una guida esperta del luogo, a inizio inverno, prima che la neve la renda impraticabile. Superiamo quota 1400 e incontriamo una prima di due limitazioni di transito, chiuse da un lucchetto. In quel punto la strada si restringe ulteriormente. È sporca, a tratti ghiacciata e in altri innevata. A un certo punto la guida scende per montare le catene: sulla destra c’è una parete rocciosa e sulla sinistra lo strapiombo, meglio non rischiare. «Solitamente a dicembre questa strada è impraticabile», ci spiega, «perché questa è zona sciistica. Ci sono le piste ed è tutto innevato».
Ma il 1981 è stato un anno scarsissimo quanto a precipitazioni: quel giorno, di neve non ce n'era. C'era il ghiaccio, però. Proprio sotto la roccia chiamata Cabanaira, scorre un fiumiciattolo proveniente da una sorgente più a monte. In alcuni tratti l'acqua ricopre interamente il manto stradale: basta poco per creare una lastra micidiale. In un punto, sotto cui una targa ricorda Renzo, Francesco e Rossana, la strada si stringe e il burrone ha una pendenza pressocché verticale. Sul fondo della scarpata, quasi cento metri più sotto, ancora oggi, si intravedono ancora alcuni rottami della Chevrolet rossa e bianca.
  1. RICCARDO
    marzo 2, 2015 alle 13:22

    scrive:

    Quelli che fanno esempi con schettino sono semplicemente ridicoli ,schettino come comandante della nave non doveva abbandonarla prima di accertarsi che fossero tutti fuori pericolo ,percio’ non facciamo confronti idioti

  2. renatocarassale
    febbraio 28, 2015 alle 21:38

    scrive:

    Dico solo che non vorrei capitasse ne a me ne a nessun altro,credo proprio che anche la persona più becera che possa esistere sulla faccia della terra(almeno che non sia un killer di professione) porterà un rimorso per tutta la vita e preferirà non parlarne.Una persona senza scrupoli.non gliene fregherebbe nulla di mettersi in gioco politicamente,anche rischiando la propria incolumità per le esternazioni fatte nei confronti di chi in politica ha preferito lucrare.Non solo,una persona senza scrupoli,si sarebbe candidata approfittandosi poi della posizione acquisita per continuare a delinquere,giusto come fanno tanti nostri politici.Quindi, non è giusto diffamare una persona,sicuramente provata da quella esperienza soltanto per screditarlo politicamente.In questi casi,gli animali senza scrupoli,sono proprio quelli che lo attaccano.

  3. Orarossa
    febbraio 21, 2015 alle 19:54

    scrive:

    . . . un incidente stradale può capitare a chiunque, ci sono mille concause che può portarti ad un errore, anche una errata valutazione della situazione. Rubare no, rubare capita solo ai ladri!

  4. Daniele
    gennaio 31, 2015 alle 12:24

    scrive:

    Io ho un ricordo di quando ero piccolo, avevo 6 anni, stavo tornano da scuola con mia madre e, nel tornare stavamo entrando in un incrocio(non giustamente segnalato) in mezzo a dei campi.appena impegna l’incrocio una ragazza su una vespa(oltretutto senza casco) si è schiantata sul parabrezza della macchina…fortunatamente non è morta, ma un incidente è tale perchè casuale….basta speculazioni pseudopolitiche…

  5. Francesco Distefano
    gennaio 30, 2015 alle 17:16

    scrive:

    A Gianmaria Framarin, Lei chiaramente non comprende il significato legale di omicidio “colposo”. Significa che l’imputato ne ha la colpa anche se non la volontà.
    Il male di questo Paese è la gente acefala come lei pronta a scusare tutto per quelli della sua “parrocchia”. Per la giurisprudenza di tutto il mondo l’omicidio è parecchio più grave del furto.

  6. Francesco Distefano
    gennaio 30, 2015 alle 17:08

    scrive:

    Avendo letto i dettagli risultanti dalle carte processuali non vedo alcuna differenza tra l’incidente di Grillo e quello di Schettino; Schettino ha condotto la sua nave dove non doveva troppo vicino alla costa naufragando, l’ha abbandonata ed ha causato la morte di 31 passeggeri e la perdita della nave. Grillo ha condotto la sua Chevrolet dove non doveva (una strada militare chiusa al traffico in condizioni meteo invernali), l’ha abbandonata e ha causato la morte di 3 persone.
    Obbiettivamente, se Grillo è innocente lo è anche Schettino e quanto ad affidabilità si sono dimostrati uguali.

    P.S.: Grillo è anche riuscito a naufragare di recente col suo panfilo in acque calme, fortunatamente senza vittime, magari cercava di battere Schettino ai punti!

  7. sergio
    dicembre 27, 2014 alle 17:38

    scrive:

    29-04-2013, 10:47:27 #1

    L’ IMBARCAZIONE E’ FINITA SUGLI SCOGLI PER UN ERRORE
    Grillo naufraga a Porto Cervo Affonda lo yacht, ospiti illesi
    ——— ———- ———- ———-
    L’imbarcazione e’ finita sugli scogli per un errore Grillo naufraga a Porto Cervo Affonda lo yacht, ospiti illesi PORTO CERVO –

    Beppe Grillo sugli scogli con il suo yacht: la barca e’ affondata rapidamente, il comico genovese e i suoi quattro amici, tra i quali il presentatore tv di Mediaset Corrado Tedeschi, sono stati tempestivamente soccorsi da un’altra imbarcazione di passaggio e non hanno corso nessun pericolo.

    Un grande spavento, questo si’, e un notevole danno economico per il comico genovese, proprietario del panfilo.

    Il mare era calmissimo, ieri pomeriggio, quando il “Gio’ II”, una bella imbarcazione di 12 metri, ha preso il largo da Porto Cervo, diretto alle isole dell’arcipelago maddalenino.

  8. Gianmaria Framarin
    settembre 27, 2014 alle 21:50

    scrive:

    Dunque, quel maledetto 7 dicembre 1981 Beppe Grillo sfidò incautamente la mala sorte, avventurandosi per una strada militare in inverno con la neve scivolosa e scarsa… un errore, non direi una colpa…
    Aveva con sé 4 persone, si suppone fossero suoi cari amici (a meno che non crediate a Portento…), e in una di quelle curve è INCAPPATO in una lastra di ghiaccio scivolosa, non ha saputo riprendere la marcia, s’è trovato a precipitare e s’è buttato fuori dalla macchina.
    Una colpa?
    No, un incidente.
    Ma se qui in Italia arriveremo addirittura all'”omicidio stradale”, beh, addio…
    Vi è mai capitato di rischiare la vita per strada? No? Allora fate attenzione a ciò che andate dicendo…

  9. Gianmaria Framarin
    settembre 27, 2014 alle 21:46

    scrive:

    Si può?
    No, per dire… si può intervenire su una questione ANDANDO ALDILA’ DEL TIFO POLITICO?
    Il male di questo paese, oltre alle tasse non pagate e alla collusione della gente, è METTERE LA POLITICA DOVUNQUE, persino in un dannatissimo incidente stradale.
    Se Grillo vi sta antipatico, allora è per forza un brocco anche alla guida… se Berlusconi per me è il più grande ladro della storia d’Italia, allora se fa un incidente per forza è stato pessimo anche alla guida, anzi, magari mentre guidava palpava una escort…
    BASTA.
    Dirvi che ho votato 5 Stelle e lo rifarei, provenendo io da una storia radicale, serve solo a non nascondermi, dato che difenderò Grillo rispetto a questo incidente, e non m’importa un fico secco se andrete a pensare che “lo difendo poiché lo voto”.
    Ho votato Pannella per anni, ne ha fatte di cappellate… smettetela di buttarla in politica ogni volta… siamo il paese di coloro che “vogliono sapere di tutto”, “tutti CT”, “tutti esperti di politica”, ecc… e poi, però, regolarmente, dopo aver stra-parlato, che fate? Andate al seggio a votare sempre i soliti noti…
    Ve ne prego…

  10. Riccardo
    settembre 23, 2014 alle 13:12

    scrive:

    Due considerazioni.
    La strada era chiusa perchè militare, quindi discutere sul parapetto non ha senso, la seconda è che vi manca un pezzo alla storia, c’erano altri due in macchina che sono scesi chiedendo al Beppe di non farlo perchè si sarebbero ammazzati su quella strada. Un incidente può accadere a tutti nulla da dire ma quando è annunciato scusate ma è diverso.

  11. giuseppe
    settembre 21, 2014 alle 00:33

    scrive:

    Io dico che gli incidenti si chiamano incidenti , proprio perché possono avvenire incidentalmente.

  12. Luca
    luglio 13, 2014 alle 06:47

    scrive:

    Io penso che Grillo sia una persona SEGNATA da anni e vuole fare qualcosa o almeno ci prova a ridare un futuro e non a toglierlo come glie successo in passato. Auguri per il suo Intento.

  13. Gaetano
    luglio 3, 2014 alle 19:46

    scrive:

    A tutti quelli che dicono non doveva andare in quella strada ma scusatemi i fuoristrada a cosa servono mica servono in citta per far conoscere il proprio status simbol e poi solo chi è superficiale e presuntuoso pensa che a lui non potrebbe mai capitare un incidente d’auto vi auguro sinceramente di no ma dire che peppe è un assassino mi sembra esagerato N.B. non sono un fan di peppe

  14. anna maria Fornaciari
    luglio 2, 2014 alle 11:57

    scrive:

    io credo meglio ladro che assassino. Avere tre morti sulla coscienza (anche un bambino!) sia davvero una cosa che dovrebbe far riflettere prima di parlare e accusare altri

  15. Cae2
    giugno 26, 2014 alle 11:57

    scrive:

    Bè… non ha rubato come gli altri..
    Ha una colpa fuori discussione politica… non c’è niente da discutere comparato a tutti quelli che si sono uccisi a causa di monti, ecc.

  16. sergio
    giugno 20, 2014 alle 12:39

    scrive:

    Una persona che guida ha la responsabilita’ di chi porta in auto…mi spiace ma era una tragedia che grillo poteva evitare.

  17. FEDERICA
    giugno 10, 2014 alle 09:29

    scrive:

    Mi auguro che voi tutti che scrivete ( me compresa) non abbiate mai un incidente così , altrimenti verrete marchiati a vita! La vita continua e si deve reagire, gli incidenti sono sempre esistiti.

  18. Giuseppe
    giugno 6, 2014 alle 22:09

    scrive:

    Qualmettersicuno dice che ha colpa anche chi non ha provvisto la strada dell’apposito parapetto.
    Bisogna puntualizzare che la strada era chiusa da una sbarra, in quanto percorso militare,e che
    il sig. Grillo ha sollevato la sbarra e ha deciso (grande spaccone!) di seguire quel percorso che
    si e’ poi rivelato essere pericolosissimo. Ovviamente ha pensato bene di mettersi in salvo lasciando
    gli altri a morire!! un uomo di cui fidarsi ed a cui affidare il proprio destino!!

  19. tibe
    giugno 2, 2014 alle 17:06

    scrive:

    Vanno in galera quelli che hanno sbagliato una sera
    Mentre è libero ricco e celebre chi ha ammazzato un’idea
    ………………………………

  20. Giuseppe
    giugno 1, 2014 alle 23:39

    scrive:

    Ma al Sig.Grillo chi gliel’ha ordinato di andare su per una strada di montagna senza parapetto,ghiacciata,in condizioni di guida oggettivamente proibitive?? forse il dottore?? Qui la politica non c’entra. Concordo con chi afferma che un trauma del genere uno normale l’avrebbe segnato per tutta la vita. Altro che fare il comico!! Questo c’ha il pelo sullo stomaco.

  21. alfredo
    maggio 30, 2014 alle 08:46

    scrive:

    non ci credrete ma io allo stesso modo stavo per uccidere me e la mia famiglia moglie 39 anni figlia 13 figlio 7, solo il buon DIO ha fermato il mio range rover da 3 tonnellate in bilico sul precipizio ghiacciato, ho fatto scendere dalla parte buona la mia famiglia e poi con molta pazienza e prudenza sono riuscito ad evitare che il veicolo precipitasse”ovviamente con portiera APERTA”. chi giudica Grillo giudica anche tanti di Noi. GRILLO NON HA NESSUNA COLPA.

  22. MAURO
    maggio 25, 2014 alle 20:28

    scrive:

    ragazzi basta vedere gli incidenti stradali su youtube per capire che la colpa non e di beppe…

    queste cose succedono giornalmente in tutto il mondo

    avanti m5s

  23. Roberto
    maggio 25, 2014 alle 07:56

    scrive:

    Dare fiducia a una persona o a un gruppo politico non è sempre facile, parole e promesse si commisurano con la coerenza, con la dignità personale, e con la propria onestà. A prescindere dal QI di ogni individuo, essere umano anche portatore di handicap, darebbe fiducia a GRILLO, al M5S, e a tutti quei elettori che per decenni trafugati da ogni elementare diritto democratico. Leggendo ciò che scrivete ho capito come tanti che il fango che usate oltre che puzzolente è indelebile, per questo lotterò a fianco di GRILLO e del M5S. contro le mafie, il malaffare, le complicità occulte e contro chi ha usato la nazione per i propri porci comodi nell’immoralità nella diffamazione e nel desiderio di sopraffare quei poveri cristi che con sacrificio stringono la cinghia per abbassare la mangiatoia a squallidi bipedi mammiferi che non meritano di stare in questo pianeta. Buon lavoro a chi ama questo paese.

  24. guidobaldo maria riccardelli
    maggio 24, 2014 alle 07:20

    scrive:

    Una disgrazia capita, ma doveva proprio andare per quella strada col fuoristrada, quando si sapeva come era e che era ghiacciata? L’unico innocente e’ il bambino di 9 anni perche’ anche i genitori potevano dire no. Poi Grillo deve incontrare la superstite, ma scherziamo?

  25. andrea
    maggio 24, 2014 alle 01:22

    scrive:

    Bèh si potrebbe anche dire che una parte di colpa è di chi non ha messo il Guardrail su una strada di montagna regolarmente ghiacciata?

  26. tom
    maggio 23, 2014 alle 21:27

    scrive:

    Io sono dell’idea che non e colpa sua. Grillo e una brava persona, fatevi influenzare dai media, cosa vuol dire poi, non può fare politica? Non penso che abbia voluto investire volontariamente quelle persone. La gente che dice che non può fare quello che fa per il passato e proprio un coglione ignorante

  27. maria teresa
    maggio 23, 2014 alle 19:19

    scrive:

    io condanno Grillo x la sua boria, i suoi urli, nn ha il diritto di strillare in quel modo da psicotico, ci fa vergonare di fronte al mondo intero,,,,,,,,,,,poi se lui fosse una persona seria avrebbe già da tempo incontrato la persona che merita le scuse x il danno morale che le ha recato,,,,,,,,,,,,ne sarebbe uscito con dignità, invece va avanti con la sua prepotenza,,,,,,,,,,,,,,nn trasmette affidabilità alle persone posate e che ragionano.

  28. silvano
    maggio 23, 2014 alle 15:45

    scrive:

    Usare questa disgrazia per fini politici è puro sciacallaggio,piuttosto mi domando come può essere possibile che un uomo dopo aver distrutto tre vite abbia avuto il coraggio di fare il comico per tutta la vita,io vivrei con l immagine di quel bambino davanti a gli occhi e di certo ridere sarebbe difficile

  29. Govoni Raffaele
    maggio 23, 2014 alle 10:35

    scrive:

    Sono d’accordo con victorbruxel ed altri colleghi autisti come me vergognate vi non potete giudicare e facile criticare vorrei vedere voi se avete sempre la freddezza in ogni momento di pensare quale la cosa migliore da fare in una manciata di secondi. Spero non vi succeda mai

  30. Francesco
    maggio 23, 2014 alle 09:57

    scrive:

    Credo che non lo abbia fatto intenzionalmente di uccidere tre persone ma credo che nel rispetto dell’unica sopravvissuta le debba una spiegazione dalla sua bocca cosa sia successo realmente comunque non può’ fare il moralista visto che lui come tutti quelli che provocano incidenti mortali se la sia cavata troppo facile saltar giù’ dalla macchina e salvarsi

  31. LUIGI
    maggio 23, 2014 alle 07:21

    scrive:

    Questa donna non ha minimamente senso della vergogna. Fossi i suoi genitori mi rivilterei nella tomba nel vedere mia figlia speculare sulla mia morte. Per soldi la gente farebbe di tutto.. Spreriamo di non doverla risentire di nuovo alle prossime elezioni.

  32. adglor
    maggio 23, 2014 alle 06:00

    scrive:

    nella vita quando la disgrazia ti tocca non puoi fare nulla.Non credo che Grillo desiderava la morte dei tre trasportati con la propria vettura. Il diritto è una materia umanistica, non scientifica, è solo folosofia, la condanna del giudice di merito può essere ribaltata da un bravo avvocato , in presenza di incidenti mortali il giudice a qualsiasi costo ( per appagare la volontà del popolo) deve trovare un colpevole e condannarlo, anche se poi la verità è diversa da quella scritta in sentenza. spesso fanno “” copia e incolla”” delle precedenti sentenze di cassazione

  33. victorbruxel
    maggio 22, 2014 alle 23:03

    scrive:

    Si fa presto a dire è colpa dell’autista quando c’è un grave incidente, questo solo perché non ceravate voi alla guida. Il destino volle che quel giorno ponesse fine a quella famiglia, e così è stato. Provate solo ad immaginare di trovarvi su una strada di montagna, innevata, ghiacciata e senza protezione sul bordo stradale e poi ne riparliamo. Io fossi stato in Grillo avrei denunciato il Comune di pertinenza, per aver costruito una strada percorribile in auto, senza installare protezioni che possano frenare un auto che accidentalmente perde il controllo.

  34. Antonino
    maggio 22, 2014 alle 21:14

    scrive:

    Non credo che lo abbia fatto apposta. Pero’ pochi mesi fa in Sicilia un ragazzo durante il mantempo per raggiungere casa stava attraversando una strada che faceva abitualmente dove scorreva un po di acqua. Invece quella sera improvvisamente l’auto e’ stata travolta dall’acqua e ci sono stati due morti.In quel caso l’autista e’ stato arrestato. La differenza tra Grillo e il ragazzo dove sta? I soldi di Grillo hanno fatto il miracolo.

  35. regina de filippo
    maggio 22, 2014 alle 20:17

    scrive:

    si parla di tutto e di piu´quello che mi interessa e´una preghiera x le vittime…si signori sono morti 3 esseri umani ha prescindere dai colori politici ricordiamolo !!!e se volete la mia opinione non credo che beppe si sia svegliato quella mattina con la voglia di fare una strage

  36. pasquale
    maggio 22, 2014 alle 12:27

    scrive:

    se tutti quelli che , in conseguenza di un incidente d’auto, causano la morte delle persone ,mi viene da pensare che bisognerebbe mettere in galera un gran numero di persone. penso che a nessuno faccia piacere provocare la morte di qualcuno.

  37. domenico
    maggio 22, 2014 alle 11:25

    scrive:

    ho letto un po’ di commenti e poi mi è venuta la nausea! Fate schifo a speculare su una tragedia! E ve ne dovete andare a f…….are una passeggiata! Non sapete piu dove attaccarvi, viscidi, poveri,ignoranti! Ignorate il dolore la tragedia e soprattutto, ignorate cosa sia il rispetto per i defunti! Vergognatevi!

  38. lucia Mariani
    maggio 22, 2014 alle 10:59

    scrive:

    Beppe Grillo ha avuto un gravissimo incidente,che certo non era intenzionale. Di sicuro ne porterà il peso per tutta la vita ,ma non è e non è mai stato un criminale. Criminali sono quelli che,collusi con la mafia,hanno fatto e fanno morire migliaia di persone nella terra dei fuochi. Grillo porta avanti un sogno di giustizia sociale che mai è stato dato osservare negli altri politici,e,forse,la genesi del suo impegno politico ha proprio una matrice spirituale,che può anche essere scaturita dal riflesso dell’incidente sulla sua coscienza.A parte questo io non capisco chi condanna il movimento 5 stelle che vuole mettere la politica nelle mani dei cittadini…Purtroppo però qui in Italia ci sono tanti ” cittadini ” che si sono fatti comprare dai partiti in cambio di voti…Questo è uno dei più grandi mali dell’Italia. Per questo motivo questo sistema in cui chi delinque non paga mai deve cessare.Massimo 2 legislature da incensurati e poi via ,ritornare alla propria vita e al lavoro che si faceva prima…La politica non più una professione è la conditio sine qua non di ogni cambiamento serio!

  39. Aldo
    maggio 22, 2014 alle 10:01

    scrive:

    A me il movimento 5 stelle sembra una massa di mediocri a cui serve uno che strilla e offende per sentirsi rappresentare . Se siete veramente il meglio che questo paese puo’ offrire non nascondetevi dietro Beppe ma fatevi conoscere tra la gente e non con le buffonate della rete che nessuno percepisce realmente . Non ho mai creduto nelle persone che si osannano da sole e nel disfattismo . Se i politici sono quello che sono è perchè il popolo è cosi’ , e anche voi siete il “popolo” !

  40. renzo
    maggio 22, 2014 alle 09:51

    scrive:

    Parlare di un omicidio colposo, in spregio alle vittime, solo per fini politici, credo che sia indegno per qualsiasi persona, che vuole ritenersi tale.
    Il mestiere di iene ed avvoltoi lasciamolo fare a chi si ha messo un prezzo sulla propria coscienza.
    Altra cosa è entrare nel merito.
    Se la ‘vecchia’ politica si rendesse credibile, il M5S non esisterebbe, semplicemente.

  41. simone
    maggio 22, 2014 alle 09:51

    scrive:

    Cari amici commentatori , la verità e che bisogna dare piena solidarietà a chi porta sulla schiena un fardello del genere , pensate che si dovrà portare per tutta la vita la non colpa di aver tolto la vita a un essere umano o più , pensate che se non sei forte di carattere potresti anche pensare di toglierti la vita , e questo per un INCIDENTE , a differenza di quello che sta succedendo nell’area politica con dei condannati e non per incidente , li stanno arrestando tutti e non per un reato indicato come incidente , ma come truffa , peculato , mafia , furto , a carico anche tuo che critichi l’incidente ma passi sopra la volontarietà del fatto . MEDITATE GENTE MEDITATE .

  42. Andrea
    maggio 22, 2014 alle 09:46

    scrive:

    Ricordate che Beppe Grillo non è un candidato politico! lui è solo un garante per il M5S! La maggior parte dei commenti che ho letto è di gente DISINFORMATA e miope. Le leggi non detta Grillo. Beppe è riuscito a portare i cittadini all’interno delle istituzioni e sono i cittadini a fare le leggi. Mentre, se vogliamo proprio dirla tutta, sono proprio il PD, PDL &Co che in questi anni di malaffare hanno portato decine di imprenditori e lavoratori al suicidio ed hanno RUOLI ISTITUZIONALI.
    Toglietevi i paraocchi ed aprite la mente.

  43. Aldo
    maggio 22, 2014 alle 09:29

    scrive:

    Personalmente se avessi causato la morte di tre persone tra cui un bambino mi nasconderei da riflettori e telecamere e cercherei di espiare le mie colpe tutti i giorni aiutando chi soffre . Forse Grillo si sta “sacrificando” per il paese come chi lo ha preceduto per vent’anni ……

  44. antonio
    maggio 22, 2014 alle 08:57

    scrive:

    Penso che non voglio essere rappresentato da un uomo che uccide,anche se in modo colposo,tre persone di cui in bambino di 9 anni.uno sbaglio certo a causare ciò ma grillo se la cava con 14 mesi di reclusione non scontati e il ritiro della patente per tutto questo periodo.come fa grillo a fare una legge che punisce di più gli imprudenti .non accetto moralismi da questa persona dall ego troppo sviluppato.è solo questo che lo differenzia dalle persone comuni.è uno non pulito come quelli che diffama ne più ne meno.

  45. Nikkpo
    maggio 22, 2014 alle 07:40

    scrive:

    Casualmente queste notizie spuntano sempre fuori durante le campagne elettorali.
    Casualmente tutte le testate giornalistiche dimenticano di mettere nei titoli CUBITALI la parola “colposo.
    E’ ben diverso dire “Grillo ha commesso tre omicidi” (serial killer?) da “Grillo condannato per omicidio plurimo colposo” (Colposo=non volontario).
    Casualmente il processo e la condanna a Grillo sono sacrosante, sottodimensionate, mentre per Berlusconi e dell’Utri sono “complotti delle toghe rosse”.
    Casualmente chi si elogia di essere informato spara panzane degne di Giuliano Ferrara dopo 4 cognac:
    “UN ALTRO CONDANNATO AL GOVERNO”. Grillo? Ma se non è nemmeno candidato e non si candida!!!
    “GRILLO NON HA MAI DICHIARATO O FATTO CHIAREZZA AI SUOI ELETTORI DI QUESTO FATTO”. Falso, lo ha scritto sul suo blog nel 2005, ben prima del M5S (nato nel 2009).
    Non ci credi? http://www.beppegrillo.it/2005/09/la_paga_di_giud.html
    Settembre 2005, a pochi mesi dall’inaugurazione del suo BLOG.

    Ignorante a chi?

  46. max
    maggio 21, 2014 alle 21:57

    scrive:

    x Gianna…leggere bene…altro che non l’aveva detto prima…ecco un suo post Io, Beppe Grillo, ne ho piene le tasche di dovermi giustificare.
    Oggi vi dirò delle cose su di me, sulla mia vita privata, su alcune illazioni.
    Lo faccio oggi e poi basta.

    Ho avuto un incidente di macchina nel 1980, guidavo io, mi sono salvato per miracolo, ma sono morte tre persone che erano con me e sono stato condannato per omicidio colposo a un anno e tre mesi.
    Non mi candiderò al Parlamento.
    Non ho una Ferrari, l’ho avuta, ora ho una Toyota ibrida.
    Non ho la barca, l’ho avuta, ma l’ho venduta.
    Ho due case, una a Genova e una in Toscana.
    Non ho denunciato nessun ragazzo, non so neppure chi sia, il mio legale ha presentato un esposto alla Procura di Alessandria per tutelare i miei legittimi interessi, per le vendite dei miei spettacoli effettuate su Ebay da molte persone. E questo solo dopo aver richiesto ripetutamente e formalmente a Ebay di non consentire le vendite illegali.
    In allegato c’è la fattura di Repubblica per l’inserzione di Fazio vattene che mi è arrivata oggi. 16 Set 2005, 12:14

  47. simonetta
    maggio 21, 2014 alle 20:50

    scrive:

    Non credo che Grillo avesse premeditato l’omicidio di quei povetetti ma piuttosto si è trovato di fronte a un problema e per istinto ha reagito. Molte persone muoiono investite da auto incluso mio padre investito sulle strisce pedonali e la persona che lo ha ucciso ha dichiarato di non averlo visto ma non è finito in carcere. Quindi questa è l’Italia. Quale condanna deve essere attribuita a grillo?

  48. elisa
    maggio 21, 2014 alle 20:35

    scrive:

    Certe cose si possono sentire solo da brutti ignoranti cresciuti a Barbara D’Urso e Verdetto Finale. Rimproverano a Grillo di non averne mai parlato pubblicamente. Certo, per voi la vita sono i post su Facebook e i programmi lacrimosi di Maria de Filippi, che non hanno nessun rispetto per il dolore vero che esige PUDORE. Grillo avrebbe potuto attirarsi le vostre limitate simpatie facendo una comparsata con due lucciconi ma le cose serie non meritano di finire in TV per il vostro squallido voyeurismo.
    E poi… ha commesso un errore umano, non c’entra nulla con la DISONESTA e l’ILLEGALITA sistematiche in cui sguazza il Paese.

  49. Gianna
    maggio 21, 2014 alle 18:35

    scrive:

    Ho letto i commenti in difesa e contro Beppe Grillo. La triste verità e’ che nuovamnete gli Italiani hanno scelto di essere rappresentati da un condannato. Ed il condannato ha tradito il proprio elettorato omettendo di raccontare la verità ed evitando così di essere giudicato dalla rete. Ah dimenticavo! Non è possibile votare la sua espusione altrimenti il movimento sparisce.

  50. mauro
    maggio 21, 2014 alle 18:13

    scrive:

    Grillo ha causato 3 morti per incidente automobilistico.
    Chiedo quante morti hanno causato i partiti PD PDL ecc. ecc. collusi con la mafia, andrangheta, camorra, ecc.
    Tutti i partiti non hanno fatto nulla per debellare la mafia anzi ci fanno in continuo affari (Andreotti, Dell’Utri, Genovese, ecc).
    Grillo ha sbagliato lui non il M5S, gli altri partiti hanno instaurato in Italia un sistema di potere basato sulla corruzione, la raccomandazione, il malaffare, come potete paragonare le 2 cose, sono inconciliabili.
    La cassazione ha detto che fino al 1980 Andreotti era colluso con la mafia (reato prescritto), la cassazione ha detto che fino al 1992 dell’Utri era colluso con la mafia, ultimamente Genovese PD accusato di truffa, peculato, riciclaggio e associazione a delinquere in un’inchiesta sugli enti di formazione.
    Grillo vuole mandare a casa tutta questa gentaglia, bisognerebbe fargli un monumento.
    Chi non vuol capire è in malafede e ci sguazza in un sistema così marcio.

  51. carlo maria chiodo
    maggio 21, 2014 alle 15:29

    scrive:

    Una cosa è certa: quando ha iniziato a percorrere la strada le persone che erano con lui, esperte del luogo avendo lì la casa da anni, non si sono tirate indietro,certe che la strada fosse percorribile. Altrimenti sarebbero stati dei suicidi. Erano invece adulti, conoscitori dei luoghi. Ciò non doveva vietare a Grillo di essere più prudente e considerare le circostanze nella loro totalità, valutando i pericoli reali, le possibilità della vettura, la propria capacità o meno a condurla in tali situazioni. La pena è commisurata al reato, ch eè pur sempre omicidio colposo. Altre sono le responsabilità di Grillo: l’ ignavia politica benchè abbia raggiunto un risultato elettorale invidiabile, ancorchè di protesta. Il fatto di non volersi esporre andando sempre e solo contro tutto e tutti, invece di costruire, proporre, collaborare. Pensa forse di raggiungere il 50%+1 dei voti e così comandare in autonomia? Non sarà mai: allora raccolga il suo risultato elettorale e proponga, forte di questo. Proponga fatti e non parole, altrimenti si faccia da parte.

  52. Audace
    maggio 21, 2014 alle 14:27

    scrive:

    Ma cosa centra un incidente accaduto anni orsono…con chi ci sta uccidendo oggi…perchè chi si sta suicidando nn oggi è da nn tener conto? I politici di oggi allora, quanti di loro si dovrebbero vergognare per le morti di imprenditori ed operai…anzi loro potevano evitarlo veramente, invece se ne sbatto di chi lascia moglie e figli….andate a fare in c..o se vi attaccate a sto moralismo del c…o!

  53. giorgio
    maggio 21, 2014 alle 13:58

    scrive:

    All’ accusa di Berlusca ha ribadito dicendo solo ” è un pover’ uomo” ma non ha speso una parola
    per difendersi per il comportamento irresponsabile di allora e per spiegare il motivo per cui in tutti questi anni non ha mai voluto incontrare la figlia dei suoi amici morti. Moralmente merita solo disprezzo. Una persona va giudicata nel suo insieme ma noi italiani abbiamo la memoria corta e perdoniamo tutto e tutti, e ci facciamo attrarre facilmente dalle sirene del momento, Berlusca prima e adesso Grillo. Ma quando matureremo?

  54. roger
    maggio 21, 2014 alle 13:13

    scrive:

    Bisogna distinguere tra un atteggiamento spavaldo e improvvido e non voluto a chi scientemente ogni giorno ci mente e ci racconta cose inverosimili, bisogna distinguere tra chi tradisce traendone vantaggi e una spericolatezza colpevole ma non voluta anche se evitabile.

  55. walter
    maggio 21, 2014 alle 11:45

    scrive:

    Ci vuole cattiveria, menefreghismo, immoralità nello speculare su una tragedia personale. Ad immaginare la scena mi vengono i brividi per il dolore che si deve provare a perdere i propri amici per un proprio errore, il rimorso ti perseguirà per tutta la vita anche se sei innocente. In fin dei conti chi di noi può di non aver mai fatto un azzardo nella propria vita? Speculare su una tragedia non è ridicolo, perché non fa ridere, è davvero meschino.

  56. adotato
    maggio 21, 2014 alle 11:33

    scrive:

    sono d’accordo con chi dice “certe cose non si dicono prima dell’elezioni” !!!
    sono d’accordo con chi dice che certe cose e’ giusto in ogni caso dirle !!!
    sono d’accordo con dice che si gioca alla diffamazione !!!
    una cosa e’ certa, tutti giocano alla diffamazione, grillo e’ stato l’artefice ed e’ lui che ha iniziato parlando male di tutti e tutto, basando tutto sulla diffamazione.
    questo, forse, poteva farlo se era veramente casto e puro, se l’e’ cercata!!!

  57. astor
    maggio 21, 2014 alle 11:24

    scrive:

    nemmeno tu avresti pagato per un incidente così grave,dimentichi che in Italia le leggi su questa materia fanno acqua da tutte le parti ,sia che sei ricco o povero.

  58. evelyn
    maggio 21, 2014 alle 10:47

    scrive:

    Un anno e due mesi per tre morti, lui sicuramente disperato e segnato a vita, ma domando……fosse stato un rumeno veramente stavate tutti qui a dire “poverino ed al suo di dispiacere non pensate”? NESSUNO si sarebbe schierato, anzi avreste gridato allo scandalo per la pena RIDICOLA …siete faziosi

  59. Francy
    maggio 21, 2014 alle 10:32

    scrive:

    Penso soltanto che fin’ora nessuno aveva parlato di questo incidente, trovo squallido e triste mettere in piazza una tragedia personale solo perché non c’è niente altro da contestare… Sono 20 anni che la politica distrugge intere famiglie consapevole di farlo. Erano suoi amici non credo che Grillo volesse una tragedia simile, i nostri cari politici, la casta è stata sempre e dico sempre cosciente degli omicidi e stragi che andava a fare. Vergogna a chi crea disagio ad altre persone consapevole di farlo e ancora più grave è la perseveranza dei nostri politici da 20 anni a questa parte. Pluriomicidi, sfascia famiglie è la casta, gente che da 20 anni ci prende per il c…o e ci spreme come dei limoni. Sveglia gente!! Per pietà verso il nostro popolo italiano che ormai è al capolinea!!!!!!!!

  60. angelo
    maggio 21, 2014 alle 10:00

    scrive:

    cerano testimoni del racconto di grillo, incidente o assassinio

  61. gianluca
    maggio 21, 2014 alle 09:22

    scrive:

    che commenti insensati !!! paragonare un incidente stradale con condanne per evasioneo per collusione o magari per danno erariale ,l incidente grillo lo portera dentro per sempre e comunque questi sonop fatti personali , all contrario politici che rubbano delinquono correompono fanno un danno a tutta la comunita’ ma’ soprattutto lo fanno con piena consapevolezzzza consapevolezzzza moralmente sono nulli!!!!!

  62. eliano servi
    maggio 21, 2014 alle 09:21

    scrive:

    ERA SCRITTO “STRADA IMPRATICABILE” MA LUI HA IGNORATO IL CARTELLO. SE NE FOTTE DI REGOLE E LEGGI. INSULTA E URLA STRIDULO E CACOFONICO COME UN FORSENNATO. cOME UN FORSENNATO HA IGNORATO IL CARTELLO. SE TU O IO DICESSIMO QUELLO CHE LUI DICE INSULTANDO SUL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA E DEL CONSIGLIO SAREMMO ARRESTATI PER VILIPENDIO A PUBBLICO UFFICIALE. QUESTO PREGIUDICATO NON HA NEMMENO PERSO LA PATENTE E VUOLE DIRE ALLA GENTE COSA BISOGNA FARE. CHE PENSI AI TRE MORTI PER COLPA SUA E TACCIA OPPRESSO DA SENSO DI COLPA INVECE DI FARE BAGNI DI FOLLA E ADRENALINA. eli

  63. carlo pachetti
    maggio 21, 2014 alle 09:08

    scrive:

    penso che un delinquente come grillo, che ha causato, quanto meno per supponenza, imperizia, disprezzo delle regole (strada chiusa), utilizzo becero di quel tipo di veicolo che oggi si chiama suvvone, la morte di tre persone, dovrebbe vergognarsi per tutta la vita e sparire dalla faccia della terra, nel senso di non presentarsi mai più in pubblico. invece sono più di vent’ anni che ingiuria tutto e tutti, che ha fatto del turpiloquio la sua cifra politica, che spara puttanate come la decrescita felice e il lavoro è finito conta solo il reddito, che evoca persino auschwitz senza provare un briciolo di vergogna, e trova milioni di estimatori che vanno il delirio al solo sentirlo bestemmiare. e poi ci lamentiamo della germania.

  64. Pierangela Benedetti
    maggio 21, 2014 alle 09:03

    scrive:

    Io penso che sia stato un incidente dovuto magari anche a distrazione o incuria da parte di Grillo. Certo sono morte tre persone, fatto molto grave. E’ stato condannato e avrà, lui e la sua assicurazione risarcito per quando accaduto la famiglia. Certo non è come restituire tre vite umane. Però: 1° Grillo si è messo a capo di un Movimento politico, ma lui, per via di quel processo si tiene fuori da ogni incarico parlamentare. 2° – Mi pare che per quanto riguarda i morti i conti non tornino. Grillo ne avrebbe ammazzati tre, ma se contiamo tutti i morti doviti alla malvagia conduzione della politica da molti anni a questa parte che ha causato tante di quelle morti che non esiste calcolatrice che ce la faccia a contenerne il numero. Le stragi, i morti sul lavoro, i morti per inquinamento VOLUTO, i morti nelle, si fa per dire, missioni di pace……Se stessero zitti farebbero miglior figura almeno farebbero riflettere meno la gente..Ora la gente è più sveglia grazie ai nostri meravigliosi ” grillini” che sono nelle cariche istituzionali, dai consigli comunali in su. Grazie ragazzi. e grazie anche a te Beppe grillo del coraggio che avete!!!

  65. Cascio
    maggio 20, 2014 alle 21:36

    scrive:

    Grillo nel 1984 ha fatto un incidente. Quindi nel 2014 non lo votate perché è inaffidabile. Invece Berlusconi condannato per evasione fiscale e renzi che non eletto nomina ministri pregiudicati o indagati per mafia va bene. Corruzione dilagante e un paese in rovina e ancora votate chi ci ha portato qui? Quando Grillo urla ascoltate quello che dice. Ipocriti.

  66. Daniele Patella
    maggio 20, 2014 alle 20:59

    scrive:

    Io penso che sia stata una disgrazia non voluta da grillo, è facile parlare e giudicare.

  67. Silvio
    maggio 20, 2014 alle 20:11

    scrive:

    DELINQUENTE!!! QUESTA E’ L’ITALIA UN ALTRO PREGIUDICATO AL GOVERNO, E STAVOLTA E’ UN PLURIMO ASSASSINO!!!!

  68. enrico montangero
    maggio 20, 2014 alle 19:16

    scrive:

    Mai dimenticato quel tremendo incidente che merita pietà, anche per Grillo. L’incoscienza e l’imperizia da lui esibite allora però non possono essere trascurate nel valutare le doti del leader di oggi. Il passato spesso ci aiuta a prevedere il futuro.

  69. Alfredo Grant
    maggio 20, 2014 alle 18:33

    scrive:

    Non sapevo avesse distrutto una famiglia…e non sapevo fosse così irresponsabile, non importa che si sappia nel periodo elettorale e venga usato per infangare…preferisco sapere. Questo insieme alla storia dei pagamenti in nero mi fa capire meglio chi è Grillo.

  70. Paolo
    maggio 20, 2014 alle 18:15

    scrive:

    Beh, allora: mi sembra un po’ una porcata tirarla fuori a pochi giorni dalle elezioni. Io non l’avrei fatto. Però va detto che lui ha commesso una cazzata grossa come una casa: è entrato in una zona vietata, con tanto di cartello, contando sulla sua abilità e a causa sua ci sono andati di mezzo degli innocenti. E uno che non sa guidare la macchina vuole insegnarmi a guidare il paese?

  71. mimi
    maggio 20, 2014 alle 16:38

    scrive:

    nessuno che pensi al dispiacere che sicuramente lo ha segnato per tutta la vita? Fra un po’ qualcuno dira’ magari che lo ha fatto apposta…è un assassino…30 anni fa, e tirare fuori queste cose ad un paio di giorni dalle elezioni, è voler utilizzare quei poveretti che sono morti per far cambiare idea a qualcuno. Questo si che è immorale. Vergognatevi. Speculare sulla morte per guadagnare voti…

  72. Fabio
    maggio 20, 2014 alle 13:16

    scrive:

    Dai commenti capisco che l’Italia non può che sprofondare negli abissi!!! … L’auto è come l’Italia…. la storia di questo incidente è emblematica…. queste alcune frasi che leggo!! Ma che state a dì ! Ma quelli che ci sono stati fino adesso (e che si ripropongono ancora… aprite gli occhi!!!!) dove ci hanno portato ?
    Avete tutti fatto il processo alle intenzioni giudicando tra l’altro la persona di Grillo e non l’operato del movimento, mentre io giudico e condanno gli operati degli ultimi 20 anni, esercitati dall’attuale politica. Non fare questa riflessione è come darsi un calcio sui cog….. Votate Pd-Pdl come avete fatto negli ultimi 20 anni che vedrete l’Italia saltare in aria come un missile !!! Aprite gli occhi !!! Forse il movimento non sarà capace di far risorgere il ns. paese, ma l’attuale classe politica è certo che è capace di farlo sprofondare. La storia insegna (se non siamo così sordi da non ascoltare)

  73. cristian
    maggio 20, 2014 alle 00:46

    scrive:

    La mia opinione e questa , quante volte vediamo il semaforo arancione e ACCELERIAMO dicendo DAI CHE CE LA FACCIO e ci e’ sempre andata bene , non ci curiamo di chi abbiamo a bordo o di che potrebbe arriva dall’altra parte , CI PROVIAMO e basta senza pensare alle possibili conseguenze , GRILLO E STATO IMPRUDENTE , MENEFREGHISTA ,INCOSCIENTE tanto quanto lo siamo noi tutti i giorni, per non arrivare tardi a lavoro , per non fare tardi e prendere il bambino all’ uscita scuola , per compra il pane se no ci chiude il panettiere . DI TUTTO QUESTO NON CAPISCO COSA CENTRI CON LA POLITICA ATTULE .. SE UNA PERSONA SCEGLIE DI VOTARE M5S NON SI DEVE FAR CONDIZIONARE da un singolo fatto che rende protagonista Beppe Grillo ma dall’ operato dei cittadini ora parlamentari alla quale lui a dato voce

  74. fabio
    maggio 18, 2014 alle 12:56

    scrive:

    concordo perfettamente con antonio: grillo, per il quale avevo anche votato, non e’ un esempio di coerenza anzitutto: ricordate quando urlava contro le auto cosidette normali, perche pesanti e poco economiche, portando invece ad esempio una macchinetta prodotta dal universita di Pisa? (era praticamente l antesignana del quadriciclo leggero, oggi normalmente in vendita) e cosa fa lui? si compra il giocattolone americano bianco e rosso, con le gomme larghe da autostrada americana o al massimo da pista sabbiosa, e va dove? su una strada anzitutto chiusa al traffico, in quanto trattasi di viottolo militare senza nessuna agibilita al traffico regolare, con un mezzo largo e pesante assolutamente inadatto ad un percorso del genere. Vede la lastra di ghiaccio, e con enorme faciloneria, si convince di proseguire confidando magari nella trazione integrale, ma con gomme larghe e non scolpite, senza catene, una persona con un minimo di prudenza si sarebbe fermata per cntrollare le condizioni della lasta di ghiaccio, . L auto e’l Italia, e i passeggeri siamo noi, Grillo si avventura su una china pericolosissima, l auto precipita nel burrone, e lui scende e si salva,,,,, noi no!!!!

  75. marco
    maggio 18, 2014 alle 12:36

    scrive:

    la storia di questo “incidente” è emblematica. Porterà gli Italiani sull’orlo del burrone e lui salterà fuori un secondo prima che il paese precipiti…magari ripiegando in Svizzera.

  76. giorgio
    maggio 11, 2014 alle 07:52

    scrive:

    La storia si ripete. Come trent’anni fa Grillo si comporta in modo irresponsabile: Allora sono morte 3 persone, ora imbonisce la gente trascinando il paese nel caos, ma, come allora lui salterà giù salvandosi
    con i suoi milioni…di Euro, lasciando gli italiani nella cacca

  77. lici
    maggio 8, 2014 alle 22:38

    scrive:

    Ho letto alcuni commenti e mi facevano realmente pena. Condannare Grillo per quel disgraziato incidente, quando magari si è i primi a superare i limiti di velocità su strade urbane, interurbane ed autostrada, diventando potenziali omicidi automobilistici è semplicemente da carogne, false sapendo di mentire. Inoltre ancora nessuno vuol onestamente capire che il Movimento è soprattutto l’insieme dei parlamentari onorevoli, unici puliti, che anche Grillo ha aiutato ad arrivare nel covo della MAFIA ISTITUZIONALIZZATA… MA IL POPOLO DEI PECORONI FATICA A COMPRENDERE… TESTE DURE!

  78. dubitaresempre
    maggio 8, 2014 alle 15:29

    scrive:

    Grullini acritici Sempre a criticare tutti e a santificare il proprio idolo. Grillo fa la campagna contro il lusso , contro gli sprechi mi critica la Panda e va in un bosco , dove non si può andare, con un SUV di 6500 cc? Non fare il puro, l’unico onesto Grillo che racconti palle come TUTTI i POLITICANTI
    !

  79. mauro
    maggio 1, 2014 alle 00:09

    scrive:

    Grillo ha dimostrato con i fatti da quando è in politica che è una persona onesta, non ha guadagnato un euro da politico E HA SEMPRE FATTO CI0′ CHE HA DETTO a differenza di tutti gli altri che a parole fanno il nostro interesse ma poi pensano solo a fare soldi per loro e per i loro partiti.Se l’Italia è alla fame è perché i politici prima di Grillo HANNO RUBATO TUTTO.Berlusconi truffava il fisco con centinaia di società nei paradisi fiscali, Renzi il giorno prima di candidarsi presidente della provincia si fa assumere come dirigente dalla azienda di famiglia per mettere a nostro carico i suoi contributi previdenziali.Quando era presidente della provincia Renzi faceva dei pranzi da 1000 euro con bottiglie di vino da 60 euro.Vendola il difensore degli operai che se la ride con Archinà (il braccio destro di Riva) sulle disgrazie degli operai dell’Ilva.
    Secondo voi questi personaggi sono meglio di Grillo? Secondo me no perché sono falsi. Ma non vi vergognate ad offendere Grillo perché ha avuto un incidente stradale
    Nel 2012 in Italia ci sono stati 186.726 incidenti stradali, i morti (entro il 30° giorno) sono stati 3.653, i feriti 264.716 ed ognuno è causato per colpa […]

  80. dany
    aprile 17, 2014 alle 13:32

    scrive:

    maghi cartomanti eccc…. personaggi assurdi che dovrebbero marcire in galera . furbetti che si arricchiscono ai danni di illusi che li pagano pure solo x sentirsi raccontare idiozie di ogni tipo e farsi vendere oggetti assolutamente inutili .Questi delinquenti mi ricordano tanto il sig. grillo sparlante ed i suoi seguaci che votano x il mov. 5 stalle sono i poveri illusi disperati a cui il grillo sparlante dice ciò che vogliono sentirsi dire . Tant’è l’importante è crederci . Intanto il conto in banca sale vendendo il nulla e dando alla gente che crede ai bla bla bla deliranti di questo buffone l’illusione di un’impegno socio-politico che è tutto tranne questo . Grillo è politicamente e umanamente il vuoto assoluto ed i fatti lo dicono in modo impietoso ed inequivocabile .Ed è un potenziale dittatore .Ma …è più matto il matto o il matto che lo segue ?

  81. Angela mazzucchi
    aprile 13, 2014 alle 12:21

    scrive:

    E se tutto questo urlare, inveire, calunniare, senza ragione, fosse un modo per non sentire le voci della propria coscienza? Ho sempre pensato che fosse un furbo un po’ psicopatico, forse questa psicopatia gli deriva dal trauma che ha subito. Forse uno psicologo aiuterebbe, Sarebbe un servizio a lui e a noi. Lo dico senza ironia

  82. Roberto Galletti
    marzo 22, 2014 alle 03:30

    scrive:

    Chi è senza peccato scagli la prima pietra. Se Grillo non tirasse pietre non avrei nulla da dire. Ma lui non si limita a tirare la prima pietra: tira la seconda, la terza, la quarta….. Ci vogliono coscienze più pulite della sua per ergersi a giudice e pontificare!!!

  83. Gera
    marzo 10, 2014 alle 13:20

    scrive:

    La sentenza è molto vaga e in pratica accusa e discolpa allo stesso tempo.
    Io non mi sono mai trovato in una situazione dove stai in macchina e in una zona di pericolo fermarci e far scendere i passeggeri…eppure tante volte nelle strade italiane abbiamo percorso strade con burroni ai fianchi allucinanti e pure con poche se non assenti protezioni…cioè…cosa avremmo dovuto fare? decine di km a piedi con la macchina a spinta…senza contare spesso con ghiaia o asfalto con buche ecc…
    Io francamente lo assolvo.

  84. Lele
    marzo 4, 2014 alle 02:17

    scrive:

    Penso che sia brutto tirare in ballo discorsi del genere solo per colpire una persona. Penso anche che Grillo avrebbe fatto esattamente la stessa cosa perche’ ha dimostrato in questi anni che il fine giustifica i mezzi. Poi lasciamo perdere tutto il resto perche’ a me pare chiara la grande profondita’ morale della persona! Per dirne solo una: la grandissima protesta contro sanremo e contro i costi rai! Grande Beppe, ricordati solo che l’ultima volta e’ stata la prima gratis per te a Sanremo! A propisito sono ancora uno di quelli che ammira i pentastellati che rinunciano a parte della diaria … Ma Beppe, tu non sei parlamentare e quindi non rinunci a niente … Poi una dimanda innocente: perche’ non fai i comunicati ufficiali del partito sul sito del movimento ma su beppegrillo.it?????

  85. leonardo
    marzo 3, 2014 alle 16:38

    scrive:

    Incredibile come alcune persone sentano il bisogno di strumentalizzare una disgrazia di questa portata di cui non sanno nulla…..Attenzione a voi signori miei a cui non importa cio che è accaduto a queste tre persone ma ad infangare l’immagine di una persona…

    perche Non c’è nulla che ritorni meglio delle cattiverie gratuite…..

  86. dubitaresempre
    marzo 3, 2014 alle 14:51

    scrive:

    POLITICANTI a 5 STELLE. Omicidio non volontario (e ci mancherebbe) ma COLPOSO. Grillo ha COLPA . Non è dimostrato che si è buttato dalla macchina che guidava (e non si poteva dimostrare). Si DIMOSTRA altresì che GRILLO è FALSO e BUGIARDO. GUIDAVA un SUV di 6500cc nel bosco. Inquina come una centrale a carbone. Mi rompe i c*oni x la mia PANDA. Quando mi sono tolto dal sito mi ha mandato un “vaffa” é solo un anziano BULLO con tanti problemi psicologici

  87. Gg
    febbraio 26, 2014 alle 14:02

    scrive:

    Per Elsa: vai a c…. tu visto che non sei in grado di capire che un Uomo deve prendersi le sue responsabilità e imparare un po’ di umilta’ dagli errori commessi. Il fatto di avere messo su un movimento di 9 milioni non lo riabilita di certo( anche Berlusca purtroppo ha messo in piedi un partito di milioni e milioni) . Grillo ha un blocco mentale che gli consente solo di urlare insulti, cacciare chi non la pensa esattamente come lui e Casaleggio. come se fossero dei novelli Robespierre.Tieni presente che decine e decine di milioni non la pensano come voi e con cui dovrete ragionare.

  88. Nicola
    febbraio 24, 2014 alle 23:06

    scrive:

    Certo che va pubblicato, va pubblicato anche che la figlia e’ stata accostata alla cocaina… Insomma, se proprio devo farmi fare le morali, GRILLO non e’ adatto !!

  89. elsa
    febbraio 20, 2014 alle 17:55

    scrive:

    ma che schifoooooooooooo ma come vi permettete di giudicare le persone su una tale disgrazia. Ho perso un cugino di 20 anni x un incidente, alla guida un ragazzo di 28 e nessuno si è mai messo a urlare assassino come state facendo voi……….le disgrazie capitano ogni giorno, triste è esserne coinvolti. Dovreste solo vergognarvi. Grillo ha messo su un movimento con 9 milioni di persone (una sono io) per togliere il marcio che ci ha ridotto così……..ed ha il mio appoggio e pieno rispetto, e non avendo niente su cui attaccarvi andate a riesumare una disgrazia di 30 anni fa. Ma andate a cagare tutti quanti…….ve lo meritate sto governo di zozzi.

  90. Massimiliano
    febbraio 20, 2014 alle 10:57

    scrive:

    Io non capisco e non comprendo tutto questo astio nei confronti di una persona che si sta adoperando per instillare un minimo di critica nei confronti di tutta la falsità che ci circonda…non ho idea di come si possa scrivere con cosi’ tanta leggerezza dei fatti accaduti ad un uomo che era ancora in giovane età e che ha commesso un gravissimo errore, ma che rimane tale…pensare che non soffra per quel che ha provocato è stupido, e profondamente superficiale…ma tanto immagino che la maggior parte dei commenti critici che sono stati scritti qui non siano altro che inventati tanto per screditare una persona che, per esperienza, so di per certo si sta sforzando quotidianamente per rendersi degno di amore e riconoscenza da parte di tutte le persone che lo amano…se veramente ognuno di noi si sforzasse ogni giorno per esser una persona migliore e degna di rispetto, quello in cui viviamo potrebbe essere il paese piu’ bello del mondo…ma riflettere costa fatica e impegno…ed essere superficiali è la cosa piu’ semplice da fare…stai facendo un grande lavoro Beppe, continua cosi’…sono certo che tante persone la pensano come me, e piano piano saranno sempre di piu’…ti rin […]

  91. patrizia bellini
    febbraio 16, 2014 alle 21:07

    scrive:

    credo che con 3 amici morti per un incidente anche se non colposo, io non avrei la voglia di saltare su un palco a dire “stronzate” Il rimorso non me lo permetterebbe

  92. luigi
    febbraio 14, 2014 alle 23:49

    scrive:

    Grillo come tutti gli altri. Perchè non pubblica sul suo blog quanto successo?

  93. Giuseppe giardina
    febbraio 12, 2014 alle 21:42

    scrive:

    Maurillo anche tu ? Un altro illuso di questi politici incluso grillo

  94. maurilio
    febbraio 11, 2014 alle 04:22

    scrive:

    Ai tanti criticoni volevo dire:
    – ma avete letto l’articolo fino in fondo?
    – ma avete letto che, dopo essere uscito illeso, ha subito soccorso i suoi amici invano?
    – ma avete letto che, oltre al risarcimento dell’assicurazione, anche di tasca sua ha contribuito per dare un sostegno supplementare ad una bambina rimasta sola?
    – ma non pensate ai rimorsi che avrà per tutta la vita?
    – ma non avete fatto caso che lui non guida mai? Non solo in giro per comizi ha l’autista-cognato, ma anche quando è stato beccato dalle Iene in autostrada a far benzina guidava la moglie…Questo non vi dice nulla?
    – ma chi vi ha detto che non si può candidare al parlamento perchè è condannato? Non capite che è stata una sua onesta scelta e che l’ha imposta anche ai suoi quella di non candidare condannati anche solo in 1° grado nel M5S? In Parlamento non si contano gli eletti condannati in via definitiva; anzi fanno a gara per farsi eleggere e continuare a commettere reati sotto l’ombrello dell’immunità parlamentare.
    Quindi concluderei dicendo: anche con le più stupide scuse per criticarlo….VINCIAMONOI!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  95. Nuccia Avola
    febbraio 10, 2014 alle 08:57

    scrive:

    Prego Dio che non capiti mai a me o a qualcuno dei miei cari, perché potrebbe capitare a tutti! Anni fa mia figlia ebbe un incidente serio, entrò per breve tempo in coma.Guarita, per un certo periodo dimenticò tutto, poi ricordò ma non ne parla MAI!!!

  96. Giuseppe guardian
    febbraio 9, 2014 alle 23:26

    scrive:

    Cont. la chiave in italia no , processi appelli cassazione e tutto il resto vedi sollecito e Amanda colpevoli assolti no colpevoli di nuovo la cassazione che si deve esprimere una Volta assolto qui puoi fare soltanto un processo civile x chiedere I danni ma non che ti processono di nuovo x lo stesso reato solo in italia boooo chi ci capisce e bravo

  97. Giuseppe guardian
    febbraio 9, 2014 alle 23:21

    scrive:

    Io credo che se una persona a responsabilita colpose deve essere condannato eccetto dal nome che porta , qui in America Sei processato e se riconosciuto colpevole ti becchi dai 25 anni a vita e poi ce l’appello se anche li Sei riconosciuto colpevole ti buttano

  98. alberto 4x4
    febbraio 9, 2014 alle 00:28

    scrive:

    Sono un appassionato di Fuoristrada , lessi molti anni fà dell’ incidente di Grillo ! Oggi si vuole riportarlo alla ribalta per tentare di eliminarlo politicamente e vedrete che la Magistratura Rossa (la vera massoneria ) si scatenerà contro di Lui esattamente come con Berlusconi ! Non ha senso rievocare l incidente e i pericoli di cui sicuramente le vittime erano a conoscenza visto il percorso.E giustamente è stato ricordato alla conduttrice che anche Lei è nuora ad un Mandante di Omicidio ,cosa assai diversa , e che se anche scontata la pena, sempre di assassinio si tratta !!! staremo a veder le prossime puntate .

  99. assicurato per proteggermi dagli altri
    febbraio 8, 2014 alle 00:19

    scrive:

    Da quanto ho capito la gente non vuole puntare il dito contro Grillo perche’ vogliono crearsi un italietta dove se loro dovessero ammazzare qualcuno, l’italietta sarebbe meno dura con loro.. insomma io gratto te, tu gratti me umma umma tutti d’accordo.
    Il mondo invece non funziona cosi’. Se hai ammazzato 3 persone e potevi evitarlo, ti condannano e non dovresti manco piu’ guidare, perche’ sei un pericolo pubblico. E se io un giorno dimostrero’ di essere un pericolo pubblico non mi aspetto un trattamento differente, il mondo funziona cosi’ e la giustizia e’ uguale per tutti. Fino a quel giorno io non sono un condannato e Grillo lo e’, ognuno ha le sue chance e vive le conseguenze delle proprie azioni, pure in italia!!!

  100. Gaetano
    febbraio 7, 2014 alle 20:33

    scrive:

    Ma qui non si vuole fare un paragone , con Berlusconi – Ma si vuole dire che non bisogna neante insistere ,,… definendo il berlusca ….sempre ” Condannato “….Pregiudicato ” ….aìecc…..ecc..!!?? e non parlare della responsabilità di Grillo per essere stato causa della morte di due adulti e una povera bambina per sua caparbietà ……….come fa ora con tutti i suoi ragazzi e poi …..????? li abbandona tutti alla tragedia finale!!!!?????? solo questo è il grande dubbio

  101. ALDO
    febbraio 7, 2014 alle 19:11

    scrive:

    CONCORDO CON SIMO…E
    SORRIDO PENSANDO CHE C’E’ CHI RIESCE A ESPRIMERE “GIUDIZI” SU FATTI ACCADUTI 28 ANNI FA E DI CUI, PRESUMIBILMENTE , NON SA QUASI NULLA
    UMILMENTE E RISPETTANDO OGNI IDEA, CREDO CHE UN OMICIDIO PREMEDITATO SIA COSA BEN DIVERSA DA UN OMICIDIO COLPOSO DA INCIDENTE STRADALE
    AUGURI A TUTTI E IN PARTICOLARE A SIMO

  102. bruno
    febbraio 7, 2014 alle 09:59

    scrive:

    La Bignardi è stata “accusata” per aver sposato il figlio di Sofri, condannato e scontato la pena, per la morte del commissario Calabresi (una sola persona) ritenuto responsabile della morte dell’anarchico Pinelli. Da quando in quà le colpe dei padri ricadono sulle mogli dei figli? Beppe Grillo è responsabile della morte di tre persone ma i militanti del movimento 5stelle fingono di ignorarlo.

  103. Guido
    febbraio 7, 2014 alle 08:59

    scrive:

    Penso a quanti censori ci sono nei commenti che ho letto.
    TUTTI gli italiani, ma proprio tutti, sono degli inconsapevoli assassini dal momento che le forze armate che operano in loro nome (in nome del popolo italiano) uccidono civili durante le loro missioni “di pace”.
    Non aggiungo altro, anche se su questo argomento sarebbe necessaria una riflessione individuale che ci porti alla scoperta di quante vittime noi singoli individui provochiamo senza acquisirne consapevolezza…….

  104. MASSIMO
    febbraio 5, 2014 alle 21:07

    scrive:

    io continuo a non capire perche’ bisogna trovare sempre il pelo nell’uovo. i fatti dimostrano che il sig. grillo ha causato la morte di tre persone con sentenza definitiva anche se con una semi formula dubotativa pero’ tre persone sono morte. allora come e’ giusto per altri la definizione di delinquente perche’ condannato con formula definitiva vale anche per il PADRONE del movimento 5 stelle. Vogliamo aiutare la nostra nazione a risollevarsi e allora mettiamo da parte questi personaggi che aizzano la gente senza proporre niente . comunque vedo che se non vi conviene non li pubblicate

  105. MASSIMO
    febbraio 5, 2014 alle 21:05

    scrive:

    io continuo a non capire perche’ bisogna trovare sempre il pelo nell’uovo. i fatti dimostrano che il sig. grillo ha causato la morte di tre persone con sentenza definitiva anche se con una semi formula dubotativa pero’ tre persone sono morte. allora come e’ giusto per altri la definizione di delinquente perche’ condannato con formula definitiva vale anche per il PADRONE del movimento 5 stelle. Vogliamo aiutare la nostra nazione a risollevarsi e allora mettiamo da parte questi personaggi che aizzano la gente senza proporre niente

  106. spartaco
    febbraio 3, 2014 alle 20:21

    scrive:

    di un loro simile…

  107. spartaco
    febbraio 3, 2014 alle 20:21

    scrive:

    Preghino, coloro che sentenziano, di non doversi mai trovare nella situazione di essere stato causa, per colpa e non per dolo, premeditazione o preterintenzionalità, della morte di un suo simile, ma sappiano che allora, e solo allora comprenderebbero e avrebbero voce in capitolo per commentare disgrazie di questo genere, tutto il resto è fuffa…

  108. angelo
    febbraio 3, 2014 alle 15:16

    scrive:

    nessuno deve speculare sulle tragedie anche se Grillo è stato ritenuto colpevole, però anche Lui deve smetterla di attaccare gli altri!

  109. simo..e
    febbraio 3, 2014 alle 14:13

    scrive:

    Vergognatevi!!!! Nessuno di voi può giudicare! Che ne capite…io 2 anni fa ho avuto un incidente in cu ho perso una gamba e alla.guida c’era mio cugino…se avessi guidato io oggi sarebbe lui senza una gamba…non capisco per quale folle motivo grillo sia stato condannato. Ma ció nonostante voi non avete idea di cosa significhi avere un incidente cosí grave…e c’è chi pretende che lui manifesti i suoi sensi di colpa? dove sul blog? In Tv da Fazio o Daria Bignardi? vergognatevi siete i degni figli di amici di maria de filippi…io non parlerei mai di come mi sento quindi secondo voi non soffro? Ma nel caso specifico di grillo perchè dovrebbe farlo dato che è molto piú interessante quello che dice quando parla.d3l.futuro dell’Italia… Ma ripeto a voi interessa vedere di piú carramba che sorpresa o ginnaste vite parallele

  110. angela guggino
    febbraio 3, 2014 alle 14:12

    scrive:

    E una disgrazia terribile che sicuramemte Beppe avrà sofferto come un cane.Non si può paragonare con Berluscone e Renzi quello che hanno fatto e stato VOLUTO con e senza coscenza.

  111. giorgio
    febbraio 3, 2014 alle 13:55

    scrive:

    Sono stupito di quanti trinariciuti (se se ne conosce il significato) non sanno essere obiettivi nel giudicare il comportamento personale di un leader sputa sentenze: Non si tratta di speculare sulla condanna che purtroppo può capitare a chiunque ma di cui è doveroso prenderne atto e trarne le conseguenze morali. Si ricade sempre nel dire…. ma gli altri non sono meglio…..Non è un buon motivo per portare il cervello all’ ammasso di Grillo….!

  112. Mario
    febbraio 3, 2014 alle 13:52

    scrive:

    Prima di criticare gli altri bisognerebbe guardare se stessi………cari grillini perché’ non menzionate mai la colpevolezza del vostro Grillo ? Tutto nascosto vero? Anche. Voi siete come gli altri vostri compagni di merende…..

  113. gabs
    febbraio 2, 2014 alle 16:48

    scrive:

    Che tristezza… bisogna proprio essere alla frutta per speculare su una tragedia come questa. Un incidente stradale può succedere a chiunque in ogni momento e con le conseguenze più atroci. Quanto bisogna essere meschini e nel profondo per aver il coraggio di paragonare una condanna per un fatto di vita, con le condanne da corrotti e conniventi mafiosi di cui danno prova i nostri rappresentanti politici?

  114. luciano N41
    febbraio 2, 2014 alle 12:34

    scrive:

    Cosa dicono i bacchetta moralisti per Berlusconi Monti Letta che hanno suicidato un migliaio di imprenditori e licenziati?

  115. giorgio
    febbraio 2, 2014 alle 11:29

    scrive:

    Grillo deve avere il coraggio, l’umiltà e la dignità di incontrare una volta per tutte la ragazza
    supertiste della famiglia distrutta, la cui vita è stata sconvolta in modo ben peggiore di quella
    del sopravvissuto Grillo, ma quel che è peggio, sono certo non si avvererà

  116. pasquale.cannella
    febbraio 1, 2014 alle 22:54

    scrive:

    Ho letto i commenti ma vi rendete conto di come si possa sentire Grillo aver perso 3 suoi amici. Di cui un bambino .
    È già tanto che non sia impazzito! Non aggiungo anche.

  117. nagual
    febbraio 1, 2014 alle 19:29

    scrive:

    Sono passati tanti anni. Sarebbe inutile parlarne se non fosse che questo signore non si ergesse a giudico unico della morale di chiunque politico e no.

  118. conteverdi
    gennaio 31, 2014 alle 17:13

    scrive:

    Ma in quale paese civile e domacratico,un condannato in via definitiva per omicidio colposo,è alla
    testa di un movimento politico,solo in Italia che vergogna.

  119. giorgio
    gennaio 29, 2014 alle 13:36

    scrive:

    Rispondo ad Alberto M.
    La colpa di Grillo non è quella di essersi salvato, ci mancherebbe. La sua colpa è quella di dare l impressione di averla completamente rimossa senza rimorsi, senza alcun rispetto per la superstite di quella famiglia distrutta.Moralmente non merita alcun rispetto. Se è un Uomo ne parli pubblicamente chiarendo il suo apparente meschino comportamento.

  120. alberto m
    gennaio 28, 2014 alle 16:45

    scrive:

    la gente critica Grillo e poi guida in stato di ebrezza o supera i limiti di velocità
    un incidente può capitare a tutti e se capita a voi e ci scappa il morto, verreste comunque condannati per omicidio colposo.
    La sua colpa quale sarebbe, quella di essersi salvato ?
    Il responsabile se mai è chi non ha chiuso quella strada !

  121. giorgio
    gennaio 26, 2014 alle 20:29

    scrive:

    GRILLO HA LA FACCIA DI BRONZO! DOPO AVERE UCCISO ANCHE INVOLONTARIAMENTE TRE PERSONE DOVREBBE CHIEDERE DI ESSERE DIMENTICATO E NON CONTINUARE A SPUTARE SENTENZE E GIUDIZI SU TUTTI QUELLI CHE LA PENSANO IN MODO DIVERSO. COMPIA UN GESTO VERAMENTE UMANO: INCONTRI UNA VOLTA PER TUTTE LA SUPERSTITE DI QUELLA FAMIGLIA DISTRUTTA E NON SI COMPORTI DA STRONZO

  122. Flavio
    gennaio 24, 2014 alle 11:56

    scrive:

    Una sola pesantissima accusa: perchè per 30 anni si è dimenticato dell’unica sopravvissuta, una bambina di pochi anni rimasta a casa e tuttora si rifiuta di parlarle?

  123. Smenghi Maria GIUSEPPINA
    gennaio 24, 2014 alle 00:06

    scrive:

    Dico solo che si fa in fretta a giudicare purtroppo si giudica tanto senza ben sapere….ma voi cosa avreste fatto al suo posto?

  124. Maria GIUSEPPINA
    gennaio 23, 2014 alle 23:58

    scrive:

    Io dico che non siamo nessuno X giudicarlo purtroppo si fa in fretta a parlare e sputare sentenze ma se foste stati voi ad essere nei suoi panni che avreste fatto?

  125. Nick
    gennaio 22, 2014 alle 14:38

    scrive:

    In questo blog”forum” ognuno può dire, a buon diritto, la propria opinione. Se vogliamo mantenerci nell’ambito dell’oggettività, non possiamo non riconoscere che, condivisa o meno che sia, l’unica decisione che conta realmente è quella del Tribunale, che ha condannato Grillo per l’incidente che ha provocato. Certamente non dolosamente. però con un comportamento incosciente, che mette seri dubbi sulle sue capacità di orientare il pensiero delle persone.

  126. paola sirio
    gennaio 21, 2014 alle 08:37

    scrive:

    penso che con tre morti sulla coscienza dovrebbe solo stare zitto e non gridare delinquenti agli altri quando il primo e’ lui

  127. franco
    gennaio 7, 2014 alle 13:18

    scrive:

    Non capiro’ mai il perche’ grillo non abbia mai voluto incontrare la figlia di giberti (ex portiere del derthona) unica sopravissuta perche’ non volle andare con i genitori x vedere i cartoni animati. E’ la stesa ragazza che ha detto che grillo non ha mai voluto incontrarla x spiegargli cosa successe quel maledetto giorno

  128. aldo
    gennaio 4, 2014 alle 14:00

    scrive:

    purtroppo e’ stato un incidente ,beppe grillo se lo portera’ dentro finche’ vivra’ ,tutto questo viene strumentalizzato da politici inquisiti e condannati per furti e frodi a danno dei cittadini che ancora sono nelle istitizioni tipo renzi che ha subito una condanna per danno erariale e si presenta sempre come vergine ,immacolato con la sua camicia bianca sopra ma sotto nera.beppe grillo dio ti ha perdonato per la tua onesta’ .va in pace

  129. marco .istruttore scuola guida
    gennaio 1, 2014 alle 19:13

    scrive:

    Buona vita a tutti ,sono istruttore di scuola guida , guido mezzi pesanti , non sono superiore a nessuno , mi permetto di dare qualche buona direttiva e qualche buon consiglio , (sperando che venga recepito ) magari per alleviare certi dispiaceri derivanti da incidenti …. ero curioso di verificare il perchè beppe grillo fosse incandidabile in politica. La mia opinione è che tutti e proprio tutti me compreso abbiamo commesso o commettiamo errori alla guida dei veicoli , vuoi per inesperienza , sopravvalutazione , distrazione , i motivi sono molteplici e in seguito ad un incidente stradale per grave che sia, attribuire delle colpe è condannare è veramente difficile , ma si sa che la gente da buoni consigli sentendosi come Gesù nel tempio … Accertato che lui era alla guida ,quindi anche lui nel veicolo . l’incidente è colposo non doloso , per come la vedo io non c’è la premeditazione ,la volontà . potrebbe succedere a tutti . non abbassiamoci noi stessi a dare giudizi e valutazioni del caso .condannare una persona la carcere per un incidente stradale è eccessivo … ( mia modesta opinione ) potrebbe essere valutato in commissione , toglietegli la patente a vita ,al […]

  130. Raoul
    dicembre 14, 2013 alle 08:23

    scrive:

    Incidente, d’accordo ma voluto, come ha detto il Tribunale. Se metti una pistola in mano ad un bambino carica e ti spara è un incidente ma sei tu lo stupido che l’ha causato. E poi gli imbecilli son quelli che lo seguono adesso. Ma si sa gli italiani, se non hanno un delinquente a comandare non son contenti.

  131. Luca
    dicembre 13, 2013 alle 23:20

    scrive:

    Ma quanto sono imbecilli in tanti qua! E’ stato un incidente, lo capite? Cercate la parola “incidente” sul dizionario! Possibile che io abbia la volontà di ammazzare tre persone in auto rischiando la mia stessa vita? E’ possibile? Vi siete mai trovati, come un mio vicino di casa, a dover perdere la madre per un incidente autostradale, dove eravate alla guida e ne siete usciti illesi, guardando vostra madre che vi moriva fra le braccia??? Quest’uomo adesso conduce, apparentemente, una vita normale, ma con un però: si rende disponibile per la Croce Rossa per i soccorsi urgenti a tute le ore di notte. Dite più dignitosamente che non vi piace Grillo, e non fate gli inquisitori dell’ombrello: dovreste essere più evoluti! Dei 3 morti non vi importa un fico secco, perché se ve ne importasse davvero, non mettereste il dito nella piaga di un uomo che, ovviamente, non capirà mai il perché, non perdonerà mai a se stesso quel nefasto momento in cui alla guida c’era proprio maledet […]

  132. claudio
    dicembre 12, 2013 alle 11:17

    scrive:

    io penso che se invece di guidare una chevrolet ….di merda avesse usato una bella panda FIAT 4X4 adesso la famiglia sarebbe ancora viva e lui …forse sarebbe in politica …visto che faceva tanto pubblicita ai prodotti ecologici e poco inquinanti……che ne dite del fatto che gira con una porche cajenne non proprio ecologica e pure un panfilo che in sardegna di inquinamento ne fa ……meditate gente …meditate

  133. Giovanni
    dicembre 11, 2013 alle 09:32

    scrive:

    Con tre morti sulla coscienza,si permette di buttare merda addosso agli altri.SI VERGOGNIIIIIIIIIII

  134. Franco Fontana
    dicembre 2, 2013 alle 00:22

    scrive:

    Conosco bene la località ove è avvenuto l’incidente e ritengo che l’automezzo perse l’aderenza a causa del ghiaccio ricoperto di terriccio subito dopo una curva esposta a nord e che purtroppo non fu previsto dal conducente la pericolosità del percorso. Ritengo che la responsabilità di Grillo e sicuramente colposa ma non con quella gravità che si intravede nel giudizio di molti. Credo pertanto che questo incidente sia stato veramente imprevedibile e che in definitiva si possa annoverata tra quelli con una non grave responsabilità del conducente, anche se purtroppo questo ha causato la tragica morte di una famiglia di suoi parente.

  135. Alex Angelo Castello
    novembre 30, 2013 alle 08:30

    scrive:

    Penso che quella famiglia l’abbia portato alla creazione del M5S e in questo modo salverà e sta salvando moltissime famiglie! Ottimo modo x espiare le tue colpe Grillo! Io sono con te. E a tutti quelli che nn hanno niente da fare che trollare su queste cose dico: fatevi furbi e piantatela di lavorare x certa gente solo xkè ben pagati.

  136. Lorenzo
    novembre 3, 2013 alle 14:01

    scrive:

    correzione da plurale a singolare: “si permetta”

  137. Lorenzo
    novembre 3, 2013 alle 13:13

    scrive:

    Con tre morti sulla coscienza e ben conoscendomi, io personalmente, se assolto dalla legge, sarei andato a espiare la mia colpa nel monastero del Monte Atos. La cosa poi piu’ ancora incredibile e’ che lo
    squallido personaggio in questione, pur affiancato dall’improbabile “guru” Casaleggio, si permettano di pontificare su questioni del tutto morali…Datemi retta: “‘nde’ a ca’ vostra!”

  138. massa sergio
    ottobre 22, 2013 alle 10:42

    scrive:

    E perché avrebbe dovuto Salvarsi LUI,e non invece la Famiglia che a Distrutto(è come tutti gli altri,che provocano incidenti stradali con tassi di Mortalità elevati,quindi è un Assassino,e tale doveva Espiare la sua colpa=e adesso con tutte le frottole che ci propina ogni giorno tramite il suo Movimento5ST(A)ELLE si crede di essere diverso dagli altri,ma non si è accorto che da quando è Passato da Comico di strada e T.V. Inborghesendosi, non è altro che un POLITICO(FALLITO come tutti i POLICI ITALIANI)quindi torni a fare quello che sa fare di Meglio,e se vuole fare Campagne le faccia a favore delle famiglie colpite da disgrazie come quelle che lui a causato.Chiaroooooooooooooo,

  139. Arcobaiter
    settembre 30, 2013 alle 22:33

    scrive:

    Grillo come Schettino?? Nel pericolo lascia il comando e si salva.
    Sgarbi lo giudica dicendo “Ha ucciso 3 persone”
    Io credo che non dovremmo mai giudicare una grande disgrazia
    credo che Grillo questo dolore se lo porti con se’ non occorre affondare
    ancora la lama tagliente del giudizio. Forse Qualcuno lassu’ ha voluto che si salvi
    chissa’ per cambiare la politica italiana?? In un grande male c’e’ sempre
    un grande bene.

  140. gino gaude
    agosto 27, 2013 alle 16:21

    scrive:

    Cosa vuoi che pensi… tralascio le considerazioni dell’incidente e richiamo il lessico inaccettabile che il grillo continua ad esternare su tutti, Presidente della Repubblica compreso…si vergogni ed impari l’educazione elemento essenziale per vivere in una collettività civile e democratica quella stessa collettività che lo rifiuta disapprovando le sue distorte fantasie e soliloqui deficienti. gino

  141. Carlo
    agosto 27, 2013 alle 14:26

    scrive:

    Nando, parli facile tu. Il superuomo a cui non e’ mai successo un incidente, qualcosa di non previsto.

    Oggi sei tu a puntare il dito, senza sapere un cazzo di dettagli. Domani saranno altri a puntarlo su di te, magari per qualcosa di cui ti ritieni non responsabile. Senza esserlo davvero per di piu’.

    Sei proprio un coglione.

  142. nando
    agosto 26, 2013 alle 11:38

    scrive:

    io credo fermamente che la responsabilità’ di quanto è successo e solo ed esclusivamente dell’autista .
    Ma si sa bene che in quel caso , vi è di mezzo un certo grillo , ricchissimo e vip con grandi possibilità .
    c’erto è che comunque potrebbe rimediare e pagare le sue colpe è lui la colpa di aver distrutto una famiglia provocando una strage . per me è un assassino senza vergogna io sarei talmente addolorato che sicuramente non avrei superato quel plurimo omicidio volontario. ma si sa i soldi fanno tutto

Ultime in Gli speciali
News correlate