Interviste
 
L'attrice australiana sul set del remake di Robocop
Abbie Cornish. Non a tutti il suo nome dirà qualcosa, eppure il suo curriculum conta registi come Ridley Scott (che l’ha diretta in Un’ottima annata, accanto a Russell Crowe) Shekhar Kapur, in Elisabeth: The Golden Age e persino Madonna, per il recente  W.E. – Edward e Wallis.  E’ solo una questione di tempo però, il suo fisico prorompente, i suoi lineamenti dolci ma decisi, e un remake la porteranno all’attenzione del grande pubblico.

Torna infatti al cinema Robocop, rivisitazione in chiave contemporanea di un classico di fantascienza degli anni Novanta, diretto dal brasiliano José Padilha e con un cast notevole: Gary Oldman, Jackie Earle Haley, Samuel L. Jackson e Michael Keaton. La Cornish interpreta Clara Murphy, moglie del poliziotto (interpretato dallo svedese Joel kinnaman) che, ferito mortalmente, verrà trasformato in un robot mezzo uomo e mezzo macchina, capace di riportare l’ordine in una Detroit corrotta e in mano ai criminali.

“Non c’era nemmeno il copione quando ho detto di sì per Robocop, non sapevo neppure in quante scene avrei recitato. Non mi interessava. In Australia, io e i miei fratelli abbiamo guardato quella cassetta VHS sino a che non si è rotta. Rifare quel film per me è stato un affare di famiglia. Mio fratello s’annoia quando gli racconto di cosa faccio,  ma quando gli ho detto di Robocop si è finalmente esaltato, ‘Ecco un film per cui varrà la pena venirti a trovare, mi ha detto’. Finalmente sono qualcuno anche per mio fratello”.

Una famiglia particolare la sua.

Una famiglia felice. Padre, madre e cinque figli, tre ragazzi e due bambine. Sono cresciuta in mezzo al verde, come un maschiaccio, facevamo giochi molto fisici, giochi all’aperto, so aggiustare un trattore ma non so che programmi c’erano alla tv, quando ero bambina. Però avevamo dei VHS,  e uno di questi era Robocop.

E come è diventata attrice una che sa aggiustare i trattori e non sa niente di tv?

In realtà volevo fare la musicista, ho studiato tanto pianoforte, poi un giorno, per gioco, mi sono iscritta ad un concorso da modella, da lì alla televisione il passo è stato breve e quando ho messo piede per la prima volta su un set ho capito che era quello che volevo fare.

I suoi sono rimasti in Australia?
Uno dei miei fratelli, con la fidanzata, vive con me a Los Angeles, in attesa di sposarsi.

Ma lei è single.

Sì lo sono. Sto vedendo persone, ma sono single.

Ultime in Interviste
News correlate