Interviste
 
Il rapper nell'ultimo film di Paul Walker, Brick Mansion
Si definisce uno sculture della musica, perché il suo ultimo disco è "un'opera d'arte" (viva la modestia). Ma sul futuro artistico il rapper RZA, uno dei più conosciuti esponenti del mondo hip-hop, autore delle colonne sonore per i film di Quentin Tarantino, tra le più famose quelle di Kill Bill e Django, ha le idee molto chiare e sceglie il cinema.
"E' la più completa forma di espressione e io voglio continuare a fare ridere e piangere gli spettatori." E anche se questo mondo è fatto di attori marionette "Io mi sento più un Pinocchio." Il rapper leader dei Wu-Tang Clan, che ha diretto Russell Crowe in L'uomo con i pugni di ferro ed ha recitato per Ridley Scott in American Gangster, parla del fatto che esiste solo una copia del suo ultimo album, del ruolo che lo ha visto impegnato in Brick Mansion (ora al cinema inn Italia) e di Paul Walker. "Con questo film rivive il suo sorriso".

Brick Mansion è stata l'ultima pellicola girata da Paul Walker prima di morire.
Com'è stato per lei rivederlo sul grande schermo?


Paul Walker aveva un'energia incredibile e un sorriso bellissimo. E' stato un onore lavorare con lui. Vederlo nel film è stato davvero molto triste, ma almeno mi ha dato la possibilità di rivedere il bellissimo sorriso che aveva.

C'è qualcosa in particolare che ricorda di lui?

Il miglior ricordo che ho di lui è senz'altro l'amore immenso che aveva per la figlia. Mi aveva parlato della difficoltà dell'essere padre in questo settore, dove si viaggia spesso e si è lontani da casa. Ma lui faceva in modo di fare venire la figlia in città per stare con lei con lei il più possibile. Era la gioia della sua vita.

Ultime in Interviste
News correlate