Interviste
 
I commenti a caldo della vincitrice dell'Oscar come miglior attrice
"Questa non è un’asta, vero? Non è che adesso ve lo riprendete?".

Inizia cosi l'incontro in sala stampa con la vincitrice dell'Oscar come miglior attrice, la giovanissima Jennifer Lawrence protagonista del film Il lato positivo.
Congratulazioni, Jennifer. Cosa pensi che significhi questo premio per le persone che soffrono di disagi mentali, come la sindrome bipolare?

"Non penso che ci fermeremo finché non saremo in grado dl liberarci di questa condanna che pesa sulle malattie mentali. So che David non si fermerà e spero che questo possa essere d’aiuto. È così… è strano pensare che se hai l’asma, prendi le medicine per l’asma, se hai  il diabete prendi le medicine per il diabete. Ma se devi prendere delle medicine per la tua mente, la cosa è vista in maniera negativa."

Già. Oggi sei bellissima. Un vestito elegantissimo. Come hai fatto a prepararti? Quante persone ti hanno aiutata? Siamo molto felici per te.

"Mi sembra di essere strabica!"

Quante persone ti hanno aiutata a prepararti per questo momento così importante?

"La preparazione oggi è stata davvero stressante. Mi sentivo come Steve Martin ne Il padre della sposa, guardavo la mia casa tutta per aria e la mia famiglia che si preparava, i miei amici che passavano per fare un saluto… è stato divertente, ma incredibilmente caotico.

Volevi sapere della preparazione? Non saprei, mi sono svegliata e mi sono provata un vestito e mi stava bene, grazie a Dio, poi ho fatto la doccia e… non mi ricordo più nient’altro. Poi mi hanno pettinata e truccata e sono venuta agli Oscar. Gesù, mi dispiace."

Ciao, congratulazioni. Quando sei caduta mentre andavi a ritirare l’Oscar... l’hai fatto apposta?

"Assolutamente no!"
Ultime in Interviste
News correlate