Un nuovo film d'azione per l'ex-governatore della California

(LOS ANGELES) – Terminato l’incarico di governatore della California, ricoperto dal 2003 al 2011, Arnold Schwarzenegger torna al cinema. Il 31 gennaio esce nelle sale italiane “The Last Stand – L’ultima sfida”, film d’azione nel quale interpreta lo sceriffo Ray Owens, la cui esistenza tranquilla in una cittadina sonnolenta al confine con il Messico e’ sconvolta dall’arrivo di uno dei piu’ pericolosi trafficanti di droga messicani sfuggito all’FBI.
Ennesimo film d’azione dunque per il protagonista di “Terminator” e “Total Recall”, con sparatorie e scazzottate. E la maggior parte delle scene, racconta con orgoglio il sessantacinquenne attore originario di un paesino dell’Austria, le ha girate senza la controfigura. “Alla mia eta’ sento di essere piu’ in forma di molti uomini piu’ giovani di me” racconta Schwarzy. “Certo, non ho piu’ la forza e la resistenza che avevo quando ero piu’ giovane. Non posso piu’ sollevare 240 kg, o andare a sciare per ore e ore, e fare la stessa cosa il giorno dopo, e questo e’ frustrante. Ma allo stesso tempo mi sento orgoglioso della mia forma fisica considerata la mia eta’”.

C’e’ una scena divertente nel film dove le chiedono come si sente dopo essere emerso da una sparatoria, e lei risponde semplicemente “vecchio”. Come affronta il passare del tempo?

Be’, per uno come me, che e’ stato incoronato uno dei corpi piu’ muscolosi e in forma, e che per esserlo doveva sollevare qualcosa come 240 kg, viene da chiedersi se quella non fosse una punizione maggiore che invecchiare. All’improvviso ti accorgi che il tuo corpo non e’ piu’ quello di una volta, e certo provi delusione.


Si allena ancora?

Si’, tutti i giorni. Faccio palestra, pesi, bicicletta, nuoto, attrezzi cardiovascolari. La crociata per il fitness non si ferma mai.

Le mancava recitare?

A dire il vero no. Ogni volta che visitavo un set durante il mio mandato di governatore, mi veniva da pensare che non avrei piu’ voluto recitare. Una volta ho visto Tom Cruise in un’imbracatura penzolare a testa in giu’ e ho pensato che non avrei mai piu’ volute in vita mia dovermi ritrovare a penzoloni attaccato ad un’imbracatura.

C’e’ una scena divertente nel film dove le chiedono come si sente dopo essere emerso da una sparatoria, e lei risponde semplicemente “vecchio”. Come affronta il passare del tempo?

Be’, per uno come me, che e’ stato incoronato uno dei corpi piu’ muscolosi e in forma, e che per esserlo doveva sollevare qualcosa come 240 kg, viene da chiedersi se quella non fosse una punizione maggiore che invecchiare. All’improvviso ti accorgi che il tuo corpo non e’ piu’ quello di una volta, e certo provi delusione.

Cosa ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Cerca  
Ultime in Interviste
Visti per voi
News correlate
Magazine di cultura, spettacolo e società
Testata registrata presso il Tribunale di Genova.
Direttore Responsabile: Andrea Carugati
MILANO - Via Ingegnoli 10
LOS ANGELES - 2010 N. Beachwood Dr
Contattaci: redazione@kikapress.com