martedì, 12 gennaio 2016

Ashrafi chiede abbracci: “Sono musulmano, non terrorista”

di Redazione
A Genova, bendato, per ricordare le vittime di Parigi e chiedere la pace.

GENOVA - ESCLUSIVO - "Sono musulmano orgoglioso, ma non sono un terrorista, ho solo bisogno di un abbraccio. Ricordate che siamo tutti umani". Con queste parole scritte su un cartello, gli occhi bendati e le braccia in avanti pronte ad accogliere, Ashrafi Mohammed, chef egiziano, 43 anni, ha voluto ricordare le vittime di Parigi in piazza a Genova, davanti alla cattedrale di San Lorenzo.

Ashrafi Mohammed - Genova - 16-11-2015 - Ashrafi chiede abbracci: Ashrafi Mohammed - Genova - 16-11-2015 - Ashrafi chiede abbracci: Ashrafi Mohammed - Genova - 16-11-2015 - Ashrafi chiede abbracci: Ashrafi Mohammed - Genova - 16-11-2015 - Ashrafi chiede abbracci: Ashrafi Mohammed - Genova - 16-11-2015 - Ashrafi chiede abbracci: Ashrafi Mohammed - Genova - 16-11-2015 - Ashrafi chiede abbracci: Ashrafi Mohammed - Genova - 16-11-2015 - Ashrafi chiede abbracci: Ashrafi Mohammed - Genova - 16-11-2015 - Ashrafi chiede abbracci:


È questo il suo messaggio di pace in giorni molto difficili per l'Occidente:  "Non voglio razzismo, non voglio terrorismo - dice - Islam vuol dire pace".

In tanti hanno deciso di accogliere il suo appello, si sono fermati davanti al cartello, hanno letto e hanno deciso di regalare un abbaccio.

Loading the player...
Video di Alessandro Cona
News correlate