mercoledì, 18 novembre 2015

Lea Garofalo, il coraggio di una madre

di Redazione
La vita di Lea diventa un film, in onda il 18 novembre, su Rai Uno.




ROMA - La storia di violenza, coraggio e amore raccontata da Lea, il nuovo film di Marco Tullio Giordana presentato al Roma Fiction Fest e proiettato in anteprima alla presenza della Presidente della Camera Laura Boldrini, è una delle storie che maggiormente ha scosso l'opinione pubblica negli ultimi anni.

GUARDA LE FOTO DI LAURA BOLDRINI CON IL CAST

Laura Boldrini, Marco Tullio Giordana, Don Luigi Ciotti, Antonio Campo Dall'Orto - Roma - 18-11-2015 - Lea Garofalo, il coraggio di una madre Laura Boldrini, Marco Tullio Giordana - Roma - 18-11-2015 - Lea Garofalo, il coraggio di una madre Laura Boldrini, Don Luigi Ciotti, Antonio Campo Dall'Orto - Roma - 18-11-2015 - Lea Garofalo, il coraggio di una madre Linda Caridi, Vanessa Scalera - Roma - 18-11-2015 - Lea Garofalo, il coraggio di una madre Laura Boldrini, Don Luigi Ciotti, Antonio Campo Dall'Orto - Roma - 18-11-2015 - Lea Garofalo, il coraggio di una madre Linda Caridi, Vanessa Scalera - Roma - 18-11-2015 - Lea Garofalo, il coraggio di una madre


Protagonista di quanto accaduto nel 2009 è Lea Garofalo, una madre disposta a tutto, anche a morire, pur di salvare la vita della figlia Denise e liberarla dal gioco della criminalità organizzata calabrese. Ed è alla morte, purtroppo, che la condurrà la sua decisione coraggiosa di ribellarsi all'ndrangheta, di fuggire dal compagno Carlo Cosco e di denunciarlo alle autorità.
È stato proprio lui a ucciderla, a punirla per questo oltraggio che lo ha umiliato agli occhi dei suoi affiliati, approfittando di un momento in cui a Lea è stata revocata la scorta.

Il coraggio e la perseveranza di questa madre, però, che viene rapita, torturata e uccisa dall'uomo che avrebbe dovuto proteggerla, non è andato perduto.

La figlia Denise, che oggi ha 23 anni ma all'epoca dei fatti ne aveva poco più di 17, decide di non chiudere gli occhi davanti all'accaduto, decide che la verità deve venire prima di tutto e sceglie di costituirsi parte civile contro suo padre, reo di aver ucciso sua madre. Anche grazie alla testimonianza di Denise, che ancora oggi è parte del programma di protezione testimoni, Carlo Cosco e gli altri responsabili della morte della donna sono stati puniti con l'ergastolo.

Il compito di portare in scena il coraggio di Lea è toccato a Vanessa Scalera, mentre di Linda Caridi è la responsabilità di raccontare la scelta difficile di una giovanissima Denise.

GUARDA LE FOTO DELLA PRESENTAZIONE AL ROMA FICTION FEST

Linda Caridi, Vanessa Scalera - Roma - 11-11-2015 - Lea Garofalo, il coraggio di una madre Vanessa Scalera - Roma - 11-11-2015 - Lea Garofalo, il coraggio di una madre Vanessa Scalera - Roma - 11-11-2015 - Lea Garofalo, il coraggio di una madre Linda Caridi, Vanessa Scalera, Marco Tullio Giordana - Roma - 11-11-2015 - Lea Garofalo, il coraggio di una madre Linda Caridi, Vanessa Scalera, Marco Tullio Giordana - Roma - 11-11-2015 - Lea Garofalo, il coraggio di una madre Linda Caridi, Vanessa Scalera, Marco Tullio Giordana - Roma - 11-11-2015 - Lea Garofalo, il coraggio di una madre Marco Tullio Giordana - Roma - 11-11-2015 - Lea Garofalo, il coraggio di una madre Marco Tullio Giordana - Roma - 11-11-2015 - Lea Garofalo, il coraggio di una madre


PARIGI: SUONA IMAGINE DI JOHN LENNON DAVANTI AL BATACLAN

Loading the player...
Video di Alessandro Cona


 

 


Ultime in Storie di donne
News correlate