giovedì, 22 novembre 2012
Parte la stagione 7 di Bones: B&B finalmente insieme!
Da dicembre, i due faranno coppia nei nuovi episodi in onda su Fox Life
di Beatrice Belli

L’Agente Speciale dell’FBI Seeley Booth (David Boreanaz) e la rinomata antropologa forense, Temperance ‘Bones’ Brennan (Emily Deschanel), lavorano insieme alla risoluzione dei casi di omicidio sotto la giurisdizione federale. Lei empirica e razionale, lui istintivo e passionale, i due colleghi non potrebbero essere più diversi, eppure insieme, coadiuvati dalla squadra di scienziati del Jeffersonian Institute, sono infallibili. Tanto brillanti come investigatori, ma altrettanto ciechi quando si tratta dei loro sentimenti, sono convinti che mantenere le loro vite personali e professionali distinte sia un fattore chiave nel successo della loro squadra e per questo decidono di non imbarcarsi in una relazione sentimentale. Finchè…

Dopo anni passati a sospirare ad ogni sguardo, tocco, abbraccio, frase o battutina scambiata tra i due tra un caso di omicidio e l’altro, nell’episodio conclusivo della sesta stagione di Bones è stata finalmente data una risposta all’interrogativo che accompagnava i protagonisti sin dall’episodio pilota: lo faranno o non lo faranno? L’hanno fatto. E ci è scappata una gravidanza.
Ma siamo sicuri che sia tutto vero e non sia uno dei soliti trucchi usati dagli sceneggiatori?
“Non è stato un sogno” ci rassicura Stephen Nathan, produttore esecutivo della serie.“Non c’è alcuna realtà alternativa. Quello avete visto è ciò che è successo. Stanno per avere un figlio. Sono andati a letto insieme e questa è stata la conseguenza.”

Sottrarre alla serie la tensione sessuale tra i protagonisti, uno degli elementi finora portanti della storia, è stata una sfida senza dubbio difficile da affrontare, ma d’altro canto non si sarebbe potuto continuare a lungo con la vecchia formula senza correre il rischio di annoiare gli spettatori o, peggio ancora, di diventare poco credibili. Così gli sceneggiatori hanno deciso di sfruttare questa occasione per cambiare completamente le carte in tavola e fornire alla serie nuove dinamiche e soprattutto una nuova prospettiva.

“Sapevamo che sarebbero finiti a letto insieme cercando conforto l’una tra le braccia dell’altro a seguito di un evento traumatico” rivela Hart Hanson, il creatore della serie.“Sapevamo anche che sarebbero finiti insieme alla fine della sesta stagione e da tempo cercavamo una soluzione a come fare in modo di tenere viva la tensione nella storia quando questo fosse successo per non cadere in preda alla famigerata ‘maledizione di Moonlighting’. Quando Emily è venuta da me e mi ha confidato di essere incinta ho avuto la mia risposta. Scegliendo questa strada abbiamo potuto evitare di passare  per quello stadio dell’innamoramento in cui tutto è stupendo e meraviglioso, dove i due amanti imparano a superare tutte le loro differenze. Questo non sarebbe mai stato il caso di Booth e Brennan. La loro connessione è sempre stata più profonda di tutte le loro differenze, l’unico aspetto che mancava alla loro relazione era quello intimo. In questo modo li abbiamo messi insieme, ma sono essenzialmente gli stessi identici personaggi che erano prima. Continueranno ad essere in disaccordo su quello su cui erano in disaccordo prima, incluso come affronteranno la loro vita insieme, la religione, la famiglia, il matrimonio, come crescere un figlio, ma qualunque sia il motivo del contendere, il sottotesto è sempre stato e sempre sarà una forte dose di ammirazione reciproca e da adesso in poi anche di amore. E il merito è tutto di David (Boreanaz) ed Emily (Deschanel). Siamo davvero fortunati ad aver beneficiato dell’effettiva chemistry che esiste tra loro perché non dovrebbe esistere, non potrebbero essere persone più diverse nella vita reale, ma quando diventano Booth e Brennan sono capaci di conferire ai loro personaggi quella connessione così particolare che li contraddistingue. Questa nuova svolta del telefilm con altri attori sarebbe potuta essere un disastro, ma grazie a loro non lo è stato”.

Sicuramente è un cambiamento epocale nella storia del telefilm, quali sono state le reazioni del pubblico?
“I nostri fan sono molto leali…ma anche molto critici e a volte spietati!” risponde Hanson.“Per ogni singolo cambiamento che abbiamo introdotto in questi anni il pubblico ci ha sempre inveito contro. Adorano inveire contro di noi! Il primo grande malcontento ci fu quando aggiungemmo al cast Tamara Taylor, che interpreta la Dr.ssa Saroyan (la patologa del Jeffersonian). L’avevamo avvertita che sarebbe stata odiata…e così è stato. Adesso tutti l’adorano però. Poi ce ne hanno dette di tutti i colori quando abbiamo introdotto il personaggio di Sweets. Stessa cosa con Hannah. E’ capitato persino che a volte i fan si immaginassero le loro storie e poi abbiano sgridato noi per non averle realizzate!”.

“A volte persino i fan di Castle ci sgridano!”, scherza Nathan.
“Per quanto riguarda la scelta di mettere insieme Booth e Brennan, comunque, per il momento abbiamo avuto solo feedback positivo al riguardo e gli ascolti, finora, ci supportano. Il che è un bene, perché non è detto che le due cose coincidano sempre”, conclude Hanson.

Certo, le insidie nell’avventurarsi su questo territorio completamente nuovo sono molteplici e il pericolo di deludere i fan è sempre dietro l’angolo, specialmente quelli appassionati alla parte più procedurale del telefilm. I neonati, si sa, fanno tenerezza. E quelli scelti per interpretare la prole del magnifico duo non fanno eccezione. “Riuscire a non includere i figli (di Brennan e di Angela) in ogni singola scena è stata la prima sfida”, spiega Nathan. “Dobbiamo ricordarci che questa è una serie poliziesca, non familiare! I bambini non potevano diventare il centro dell’attenzione dell’intero telefilm. Dopotutto stiamo sempre parlando di Bones, con i suoi scheletri, cadaveri, resti umani e tutti i disclaimer applicabili, non certo di Parenthood!”

Da quel punto di vista gli amanti del crime non avranno di che preoccuparsi perché gli autori confermano che in ogni episodio continuerà ad esserci almeno un ritrovamento di qualche disgustoso corpo in decomposizione e un relativo caso di omicidio da risolvere. Semplicemente, quella parte della storia da sempre dedicata ai personaggi si arricchirà di un nuovo livello.

Continua Stephen Nathan: “I loro personaggi resteranno fondamentalmente gli stessi: Booth e Brennan avranno modi completamente diversi di gestire la gravidanza, modi completamente diversi di gestire la direzione che prenderanno le loro vite da questo momento in poi. Ad esempio Booth è il tipo da matrimonio, Brennan no. Dove andranno a vivere? Come cresceranno il/la figlio/a? Come continueranno a catturare gli assassini con un neonato nei paraggi? Tutti questi problemi verranno affrontati nel modo in cui sono sempre stati affrontati: da punti di vista diametralmente opposti. La persona più razionale del mondo insieme a un romanticone che crede che tutto andrà per il verso giusto. Questi problemi non scompariranno. Speriamo di aver trovato un modo di portare avanti gli aspetti che tutti amano di Bones e nel frattempo di rendere le cose più interessanti aggiungendo tutta una serie di complicazioni derivanti dall’essere una coppia”.

Per permettere ad Emily Deschanel di godersi il meritato periodo di maternità, la settima stagione è composta ufficialmente di soli 13 episodi, più altri 4 “bonus” che saranno però inseriti all’interno dell’ottava stagione. Oltre alla gravidanza e alla nascita del/la figlio/a di Booth e Brennan (il cui sesso, non temete, sarà svelato già nel secondo episodio) ci sono diverse altre tematiche che verranno affrontate in questa breve ma intensa stagione:

il ritorno di Max (Ryan O’Neal) e Billy Gibbons nelle insolite vesti di nonni;
una conclusione a dir poco commovente per la storia riguardante il padre di Booth, che vedrà il ritorno di Ralph Waite nei panni di nonno ‘Pops’ Booth;
Booth e Brennan in trasferta a Hollywood per la tanto attesa trasposizione cinematografica dei libri di Kathy Reichs in uno degli episodi più esilaranti della serie;
l’introduzione di un nuovo geniale ma diabolico personaggio, Christopher Pelant, abile hacker tramutato in serial killer interpretato da Andrew Leeds, la cui minaccia incomberà sulla squadra del Jeffersonian per tutta la settima stagione e oltre…

Bones torna in Italia con la stagione 7 in prima visione su Fox Life a partire dal 5 dicembre.

Ultime in La tv che verrà
News correlate