venerdì, 1 agosto 2014
The Last Ship, Capitan Bollore prende il largo
Lex Dottor Bollore di Grey's Anatomy torna in tv, a bordo di una portaerei
Deceduto a seguito di incidente aereo in Gray’s Anatomy, il belloccio Eric Dane ex Dottor Bollore torna a bordo di una portaerei – la USS Nathan James - per salvare il mondo nei panni del  Comandante Tom Chandler.

Detta così, sembra un’americanata senza se e senza ma. E infatti lo è.

Però è un’americanata fatta bene, con tutte le sue cosine al punto giusto: se fosse una donna, sarebbe “un tipo”.

La trama è ben costruita e serrata nel ritmo; la psicologia dei personaggi è quella che ci si aspetta: il comandante non è americano, è americanissimo, ama la bandiera, la sua nave, obbedisce agli ordini e sente nostalgia della famiglia lasciata nella sua casetta con giardino. Della mascella squadrata inutile parlarne, l’abbiamo già plurimamente ammirata tra le dottoresse del Seattle Hospital.

La storia stessa è così tanto americana che i primi cattivi sono terroristi di Al-Qaida e i secondi cattivi incontrati sono i Russi: quando si dice la coerenza (no, la guerra fredda non è mai finita ).

Il racconto inizia nell’Artico, dove la USS Nathan James viene inviata a svolgere delle esercitazioni, salvo portare a bordo una scienziata per svolgere imprecisati esperimenti tra i ghiacci: al ritorno dai tre mesi di silenzio radio si scopre che il mondo intero è devastato da un virus che ha ucciso l’80% della popolazione e l’affascinante ospite– al corrente di tutto- è alla ricerca della cura.

Invece di buttare a mare con una pietra al collo la scienziata che gli ha tenuto nascosta la verità per tre mesi, il comandante si mette a disposizione della dottoressa per permetterle di completare il vaccino, come evidentemente vorrebbe la marina degli Stati Uniti, che però forse non esiste più.

Da qui una serie di incontri che l’equipaggio dovrà affrontare di volta in volta, fronteggiando in ogni puntata scenari e personaggi diversi con una nave che si può permettere solo di sfiorare i porti per i minimi rifornimenti del caso, ma per il resto deve rimanere in mare per evitare il contagio. Si prospetta quindi un lungo viaggio con innumerevoli tappe per la USS Nathan James, à la Star Trek, però nell’oceano terrestre.

Immancabile il giusto accento sul fatto che una volta caduti i Governi l’umanità non tenda a dare il meglio di sé stessa, così come abbiamo abbondantemente constatato in Walking Dead e serie analoghe; e poi tensioni tra l’equipaggio, tensione erotica tra la dottoressa e il capitano (che però è sposato e americanissimo, quindi ha in mente solo la casetta con il giardino, la moglie e i figli, che è una cosa lodevole ma dopo diversi mesi in mare sembra la parte più fantascientifica della serie).

In sostanza tutto già visto ma ottimamente costruito, ottimo ritmo e stile, bella la fotografia che riprende la nave in tutte le condizioni di luce possibili e ne riflette la - americanissima -maestosità.
Un bel fumettone, ben fatto e ricco di colpi di scena. Speriamo regga il ritmo nelle prossime puntate.

The Last Ship è creata da Hank Steinberg e Steven Kane per la TNT, e potrebbe essere destinata a sostituire the Falling Skies tra i programmi di punta del network, con cui condivide l’atmosfera post apocalittica e la narrazione epica della lotta dell’uomo contro difficilissime circostanze avverse, senza avere –per ora- preso la deriva comicamente surreale dello show di fantascienza sopracitato.

A proposito di Falling Skies: Tom Manson novello uomo ragno (!) del ghetto alieno, campi di rieducazione nazisti, zone franche new age, famiglia Manson uber alles sempre protagonista senza sbagliare un colpo.



Saltato abbondantemente lo squalo [l'espressione saltare lo squalo indica il percorso che porta una serie al declino, inclusa l'introduzione di nuovi e poco verosimili espedienti narrativi volti a recuperare l'attenzione degli spettatori] col suddetto squalo non rimane che prepararci il sushi. Bon Appétit.

Hashtag #CapitanBollore -  Voto 7

La prima stagione, composta da dieci episodi, ha debuttato negli Stati Uniti il 22 giugno 2014. Il 18 luglio forte degli ottimi ascolti la serie è stata rinnovata per una seconda stagione da 13 episodi. In Italia la serie andrà in onda in prima visione su Italia 1 dal 17 ottobre 2014.

HashtagBIS #FallingSkiesIsTheNewEpicFail -  Voto 4

Corrado Gigliotti
Comunicatore, screen addicted, ha studiato con Carlo Freccero e Felice Rossello, se qualcosa è rimasto tra i neuroni potrebbe valere la pena leggerlo.
gigliocorrado@twitter.com
Ultime in La tv che verrà
News correlate