Gossip
martedì, 10 ottobre 2017

Asia Argento, Paltrow, Jolie: "Su di noi le mani di Weinstein"

Le tre star sono solo le ultime di una lunga lista a denunciare gli abusi del produttore.
Loading the player...

(KIKA) - LOS ANGELES - "La verità rende liberi", con questo tweet Asia Argento ha comunicato al mondo un segreto tenuto nascosto per anni. In un’intervista al New Yorker ha infatti raccontato la violenza subita da Harvey Weinstein, uno dei produttori più importanti di Hollywood accusato proprio nei giorni scorsi di violenza sessuale da diverse star tra cui Rose McGowan e Ashley Judd. Nelle ultime ore inoltre anche Gwyneth Paltrow e Angelina Jolie hanno raccontato la loro esperienza.

La protagonista di Shakespeare in Love ha raccontato che Weinstein l’ha convocata nella sua stanza d’albergo mentre stava girando Emma, all’età di 22 anni, film per il quale lui stesso l’aveva scritturata. Dopo averla toccata con una mano, le ha chiesto un massaggio. "Ero una bambina, ero pietrificata", ha detto al New York Times. Così l’attrice è fuggita e ha chiesto aiuto a Brad Pitt, allora suo fidanzato. L’attore ha così deciso di avvicinarsi al produttore durante una premiere e gli ha detto di non toccare mai più la sua ragazza. Un avvertimento che sembra aver rispettato, almeno con lei. 

Alla fine degli anni Novanta anche Angeline Jolie è stata vittima del noto produttore: "Ho avuto una brutta esperienza con Harvey Weinstein nella mia gioventù -  ha confidato al New York Times - e per questo ho scelto di non lavorare mai più con lui e ho avvisato le altre che lo stavano per fare. Questo comportamento verso le donne è inaccettabile".

La storia di Asia Argento, però, è la più scioccante: "Era il 1997 e avevo solo 21 anni - racconta l’attrice - Ero stata invitata da uno dei produttori della Miramax a un party sulla Costa Azzurra, all’hotel Cap Eden Roc". Al suo arrivo però trova solo una stanza d’albergo vuota. "Io ho chiesto al produttore che mi aveva accompagnata dove era la festa. E lui ha risposto: 'Siamo arrivati troppo presto...' e poi mi ha lasciato sola con lui. All'inizio Weinstein mi ha riempita di complimenti per la mia interpretazione poi è andato in bagno ed è ritornato con addosso solo l'accappatoio e con una bottiglia di crema per il corpo in mano. Mi ha chiesto di fargli un massaggio". L’attrice gli ha quindi fatto un massaggio ma a quel punto lui l’ha costretta ad aprire le gambe e a subire un rapporto orale, nonostante lei gli avesse più volte detto di no. "Ero terrorizzata, lui era grande e grosso. Non si sarebbe fermato davanti a un no. È stato un vero incubo".

E ancora: "Un uomo grande, grosso e grasso che ti costringe a fare cose che non vuoi. È stato come un mostro di una brutta favola. Dopo quel giorno, quando lo guardavo negli occhi mi sentivo debole. Dopo la violenza, lui aveva vinto. Nell’essere vittima mi sono sentita responsabile. Perché se fossi stata una donna forte, gli avrei tirato un calcio e sarei scappata. Ma non l’ho fatto". "Ho pensato che avrebbe distrutto la mia carriera se gli avessi detto no. Quando ero davanti a lui mi sentivo piccola, stupida e debole".

"Sono passati 20 anni da quella storia, e se non ne ho parlato prima è perché avevo paura. Lui ha fatto male a tante persone in passato".

Ultimi in video in Gossip
News correlate