Curiosità
venerdì, 10 marzo 2017

Non solo venerdì 17: quando la sfortuna ha colpito Hollywood

di Matteo Ghidoni
Sono diversi i film, anche di successo, che sembrano nati sotto una cattiva stella
Loading the player...

(KIKA) – LOS ANGELES - In molti credono che venerdì 17 sia un giorno sforrtunato. Ora, senza stare a sindacare sulla superstizione, è sicuramente vero che durante le riprese di alcuni film sono successi dei drammi irreparabili. Propio come se la sfortuna esistesse veramente e a volte si abbattesse anche su Hollywood.

Nel prossimo video una serie di film, nati sotto una cattiva stella

Nel 1983, durante le riprese del film Ai Confini della Realtà, The Twilight Zone,  un elicottero che stave facendo riprese volando a bassa quota, precipitò decapitando l’attore Vic Morrow, padre di Jennifer Jason Leigh e una giovanissima comparsa, schiacciando e uccidendo un secondo bambino che lavorava anche lui come comparsa. Bilancio tragico per uno dei film di fantascienza di culto degli anni ’80.

Nel 1985 durante le riprese di Rocky IV, diretto e interpretato da Stallone, fu proprio Sly a suggerire a Dolph Lundgren di boxare davvero, per rendere più realistiche le scene. L’attore di origini svedesi però la prese un po’ troppo sul serio e colpì Stallone così forte che l’attore passò la settimana successiva all’incontro in ospedale.

Nel 1986 girando un film culto come Top Gun, il pilota e stuntman Art Scholl morì dopo che il suo aereo precipitò nell’Oceano Pacifico, durante le riprese del classico con protagnosita Tom cruise.

Nel 1993 arrivò la tragedia de Il Corvo, che in molti ricordiamo.  Era Il 31 marzo quando Brandon Lee venne ferito a morte da un colpo di pistola esploso durante una scena. L'arma che lo uccise era in mano all’attore Michael Mass, inconsapevole del fatto che nel caricature fosse rimasto il frammento di un colpo sparato in precedenza. Lo sparo raggiunse Lee diritto al cuore. Inizialmebte lo staff pensava che Brandon stesse scerzando, ma  il nipote di Bruce Lee morì poco dopo in un ospedale di Wilmington, in North Carolina.

 

Nel 2004, durante le riprese di Troy, con Brad Pitt e Orlando Bloom, si registrarono diversi sfrortunati eventi. Brad Pigt, che interpretava Achille, soffrì ironicamente di un’infiammazione al tendine di achille. Ma questo non fu nulla se comparato all’infortunio alla gamba sofferto dal body builder George Camilleri. L’uomo che si ruppe l’arto durante una scena, venne operato ma morì poco dopo, in seguito a una complicazione. Diversi uragani che costrinsero l’intera troupe a lunghe e ripetite pause, fecero da contorno alla realizzazione di un lungometraggio che sembrava nato sotto una cattiva stella. Il successo al box office, servì a consolare almeno parzialmente l’intera produzone di Troy.

Nel 2010 mentre stava girando una scena dle film  Harry Potter e I Doni della Morte, il giovane stuntman di Daniel Radcliffe, David Holmes, si ruppe la Colonna vertebrale sbattendo contro un muro durante una scena di volo , rimanendo paralizzato dal collo in giù.

Nel 2016, l’attore Dylan O’Brien, conosciuto soprattutto per la sua interpretazione di Mieczyslaw Stiles Stilinski, nella serie Teen Wolf, è caduto nella parte posteriore di un set del film Maze Runner, che avrebbe dovuto apparire come il retro di un treno. Essendo cascato di faccia, il giovane ha sofferto diverse fratture agli zigomi e sulle orbite. Il 24enne è stato portato direttamente in ospedale, dove ha subito una ricostruzione facciale totale. Al momento O’Brien sembra non avere ancora recuperato al 100% ma è intenzionato a tornare al lavoro appena la salute glielo permetterà.

 

GUARDA IL VIDEO

 

 

Ultimi in video in Curiosità
News correlate