Spettacolo
lunedì, 26 giugno 2017

Steve Carell: "Essere Cattivissimo non è poi così male"

di Matteo Ghidoni
Il protagonista di Despicable Me 3 combatte contro un esilarante nemico anni '80
Loading the player...

(KIKA) - LOS ANGELES - Dopo avere visto Cattivissimo Me 3, uno deI primi pensieri che potrebbe venire al pubblico è: in fondo essere cattivi non è poi così male.

“Effettivamente si” risponde Steve Carell, che dà la voce originale al protagonista Gru e, a partIre da questo capitolo della saga, al suo gemello Dru. “Il fatto è che lui non è cattivo, si è trovato, in passato, a fare cose cattive. Ma ha un grande cuore e fa le cose con gioia”.

Kristen Wiig, presta al voce a Lucy, la fidanzata di Gru, conosciuta in Cattivissimo Me 2. Quando le chiedo quale sia il messaggio di un film come questo, lei risponde velocemente: “Riciclate”.

Una risata, una pausa per capire se fa sul serio e poi è Carell a continuare: “Si, riciclate e rispettate la popolazione degli uccelli”. Altra pausa, altra risata. “Scherzo” continua il comico, “credo che il tema principale sia la famiglia. Ogni personaggio di questo cartone animato in fondo è concentrato sul valore della propria famiglia”.

L’antagonista di turno, Balthazar Bratt, è un perfido ex bambino prodigio che veste e si muove come se gli anni ’80 non fossero mai passati.

È stato difficile combattere contro a un nemico così fico?

“È fico? Non saprei. Forse si, ma è anche molto cattivo”.

Michael Jackson, Bubble Gum, il Cubo di Rubick. I bambini capiranno i tanti riferimenti agli anni ’80 fatti in questo film?

“Secondo me i genitori capiranno” precisa Carell, “i bambini penseranno solo che è molto divertente, certe cose non gli sembrerà neanche possibile siano mai esistite nella realtà: gli adulti invece sapranno cogliere i riferimenti a cose che non solo sono realmente esistite, sono ancora un imbarazzo per tutti noi”

GUARDA IL VIDEO

 

Ultimi in video in Spettacolo
News correlate