Spettacolo
venerdì, 2 giugno 2017

Wonder Woman: "Un film che valorizza le donne normali"

di Matteo Ghidoni
"Una supereroina contro la guerra, che sa come si combatte". Le nostre interviste al cast
Loading the player...

(KIKA) – LOS ANGELES - Wonder Woman è un mito senza tempo, che torna a vivere con il film diretto da Patty Jenkins e interpretato da Gal Gadot e Chris Pine, in uscita il 1 giugno in Italia e il giorno successivo negli stati Uniti.

Pine, che in questa avventura cinematografica interpreta l’agente segreto Steve Travor, primo vero amore dell’amazzone più forte al mondo, è contento di avere preso parte a un film di supereroi che valorizzi le donne. ”E importante in questo momento storico, perché siamo abituati a vedere il mondo da una prospettiva maschile, mentre sono le femmine a creare la vita. Per questo hanno un’idea più chiara di cosa siano l’amore e la compassione. Possiamo imparare molto da loro”.

Ma le donne sarebbero veramente migliori se non avessero uomini intorno? Patty Jenkins, che da dietro la machina da presa ha ricreato il mondo fantastico e allo stesso tempo realistico di Wonder Woman, non è di questa idea: “Amo entrambi i sessi, è inutile fare questo tipo di discriminazioni. Ingenuamente ho subito pensato che chiunque avrebbe amato Wonder Woman, proprio come io amo sia lei che i supereroi maschili”.

Danny Huston, che nel film è il cattivissimo Generale Ludendorff, precisa: “Lei è stata cresciuta per combattere, è una guerriera. Si tratta sicuramente di una pacifista, nel senso che è contro la guerra. Quando però c’è da tirare fuori la spada, sa come fare”.

Connie Nielsen, che nel film è la Regina Ippolita, madre di Wonder Woman, parla perfettamente italiano. “Credo che molte donne siano Wonder Woman. Provo profonda ammirazione per tutte quelle signore che devono affrontare i grandi problemi della vita, magari da sole. Prendendosi anche cura dei genitori che stanno invecchiando”.

 

GUARDA IL VIDEO 

 

Ultimi in video in Spettacolo
News correlate