News
venerdì, 10 Dicembre 2010

Teheran smentisce il rilascio: “Sakineh non è stata liberata”

di Redazione
(KIKA) – THERAN – Sakineh Mohammadi Ashtiani, la donna iraniana condannata alla lapidazione per adulterio e per complicita’ nell’omicidio del marito, non e’ stata liberata, ma solo condotta nella sua casa a Tabriz per essere intervistata dalla tv nazionale sulla scena del delitto. Il Comitato internazionale contro la lapidazione aveva diffuso la notizia della sua […]
Sakineh Mohammadi Ashtani - Bruxelles - 14-11-2010 - Teheran smentisce il rilascio: “Sakineh non è stata liberata” Sakineh Mohammadi Ashtani - Bruxelles - 14-11-2010 - Teheran smentisce il rilascio: “Sakineh non è stata liberata” Sakineh Mohammadi Ashtani - Bruxelles - 14-11-2010 - Teheran smentisce il rilascio: “Sakineh non è stata liberata” Sakineh Mohammadi Ashtani - Bruxelles - 14-11-2010 - Teheran smentisce il rilascio: “Sakineh non è stata liberata” Sakineh Mohammadi Ashtani - Bruxelles - 14-11-2010 - Teheran smentisce il rilascio: “Sakineh non è stata liberata” Sakineh Mohammadi Ashtani - Bruxelles - 14-11-2010 - Teheran smentisce il rilascio: “Sakineh non è stata liberata”
(KIKA) – THERAN - Sakineh Mohammadi Ashtiani, la donna iraniana condannata alla lapidazione per adulterio e per complicita' nell'omicidio del marito, non e' stata liberata, ma solo condotta nella sua casa a Tabriz per essere intervistata dalla tv nazionale sulla scena del delitto. Il Comitato internazionale contro la lapidazione aveva diffuso la notizia della sua liberazione, pubblicando sul web alcune foto della donna e di suo figlio, anche lui arrestato, nel giardino di casa. Il racconto sara' trasmesso durante il programma Iran Today e poi ritrasmesso per tre volte. L'obiettivo dichiarato e' quello di far luce sulla vicenda, con una serie di interviste a Sakineh, accusata tra l'altro di complicita' nell'omicidio del marito, al figlio Sajjad Qaderzadeh e all'avvocato Javid Hutan Kian. Anche questi ultimi due si trovano agli arresti dal 10 ottobre per aver rilasciato un'intervista a due giornalisti tedeschi, finiti anche loro in manette con l'accusa di spionaggio. ''L'annuncio della loro liberazione non e' stato confermato dalla Repubblica iraniana'' - ha sottolineato il Comitato, ricordando - dall'inizio della vicenda di Sakineh, informazioni contraddittorie sono circolate sulle agenzie di stampa iraniane''.



Ultime in News
News correlate
Per continuare a navigare sul sito, in seguito al nuovo regolamento sulla privacy (GDPR), ti chiediamo di consentire l'uso di cookie e tecnologie similari, al fine di personalizzare la tua user experience. Visita la nostra Informativa sulla privacy per saperne di più.