Cronaca estera
venerdì, 11 Marzo 2011

Rupert Murdoch: 80 anni e un’ascesa continua

di Redazione
(KIKA) – LOS ANGELES – Rupert Murdoch ha spento ottanta candeline, ma non e’ ancora arrivato il momento di andare in pensione. Il produttore televisivo australiano infatti ha lanciato l’ultima sfida al mondo dei media: fare pagare l’accesso ai siti internet di tutte le testate del gruppo News Corporation. La sua ascesa e’ cominciata negli […]
(KIKA) - LOS ANGELES - Rupert Murdoch ha spento ottanta candeline, ma
non e' ancora arrivato il momento di andare in pensione. Il produttore
televisivo australiano infatti ha lanciato l'ultima sfida al mondo dei
media: fare pagare l'accesso ai siti internet di tutte le testate del
gruppo News Corporation. La sua ascesa e' cominciata negli anni '50,
ereditando dal padre due giornali locali: il Melbourne Herald e
l'Adelaide News. Nel 1969 trasferisce i suoi interessi anche in Gran
Bretagna, comprando i tabloid News of the World e The Sun. Poi non si
ferma piu': New York Post e New York Magazine nel 1976, i prestigiosi
Times e Sunday Times di Londra nel 1981. Negli anni Ô80 acquista la 20Th
Century Fox, Metromedia, Tv Guide, la casa editrice Harper Collins e
Fox, emittente conservatrice americana, diventata tra i più acerrimi
nemici di Obama. Nel 1989 compra anche Sky Television, che l'anno dopo
si fonde con la concorrente British Satellite Braodcasting, dando vita a
BSkyB, cui acquista il pieno controllo quest'anno. Nel 1993 si allarga
sul satellite con Star Tv. Nel 2007 il colpaccio: rileva il gruppo Dow
Jones, che edita il Wall Street Journal, quotidiano finanziario
autorevole e letto in tutto il mondo. Nel Belpaese e' presente con Sky
Italia: 4 milioni 870 mila abbonati e un fatturato da 2,7 miliardi di
euro. L'ultimo gioiello si chiama The Daily, il primo quotidiano solo
per iPad.

Ultime in Cronaca estera
News correlate