Cronaca Italiana
venerdì, 19 Luglio 2013

Dolce&Gabbana chiude le boutique per indignazione

di Luca Mottaran
La decisione dei due stilisti dopo la frase dell'assessore Franco D'Alfonso
Negozio Dolce&Gabbana - Milano - 19-07-2013 - Dolce&Gabbana chiude le boutique per indignazione Negozio Dolce&Gabbana - Milano - 19-07-2013 - Dolce&Gabbana chiude le boutique per indignazione Negozio Dolce&Gabbana - Milano - 19-07-2013 - Dolce&Gabbana chiude le boutique per indignazione Negozio Dolce&Gabbana - Milano - 19-07-2013 - Dolce&Gabbana chiude le boutique per indignazione Negozio Dolce&Gabbana - Milano - 19-07-2013 - Dolce&Gabbana chiude le boutique per indignazione Negozio Dolce&Gabbana - Milano - 19-07-2013 - Dolce&Gabbana chiude le boutique per indignazione Negozio Dolce&Gabbana - Milano - 19-07-2013 - Dolce&Gabbana chiude le boutique per indignazione Negozio Dolce&Gabbana - Milano - 19-07-2013 - Dolce&Gabbana chiude le boutique per indignazione Negozio Dolce&Gabbana - Milano - 19-07-2013 - Dolce&Gabbana chiude le boutique per indignazione Negozio Dolce&Gabbana - Milano - 19-07-2013 - Dolce&Gabbana chiude le boutique per indignazione Negozio Dolce&Gabbana - Milano - 19-07-2013 - Dolce&Gabbana chiude le boutique per indignazione Negozio Dolce&Gabbana - Milano - 19-07-2013 - Dolce&Gabbana chiude le boutique per indignazione Negozio Dolce&Gabbana - Milano - 19-07-2013 - Dolce&Gabbana chiude le boutique per indignazione Negozio Dolce&Gabbana - Milano - 19-07-2013 - Dolce&Gabbana chiude le boutique per indignazione
MILANO - Le boutique di Dolce & Gabbana di Milano oggi restano chiuse per indignazione dopo la querelle con il Comune. Chiuso per indignazione (con tanto di traduzione in inglese) è la scritta che appare in vetrina su grossi cartelli che riportano un articolo di giornale col titolo 'Il Comune chiude le porte a D&G'.

A scatenare l'ira dei due stilisti italiani, una frase detta dall'assessore alle Attività produttive del Comune di Milano, Franco D'Alfonso : "La moda è un'eccellenza nel mondo ma non abbiamo bisogno di farci rappresentare da evasori fiscali".

Qualche mese fa infatti Domenico Dolce e Stefano Gabbana sono stati condannati a un anno e otto mesi di reclusione con la sospensione condizionale della pena, per la presunta evasione di 200 milioni di euro.

Ultime in Cronaca Italiana
News correlate
Per continuare a navigare sul sito, in seguito al nuovo regolamento sulla privacy (GDPR), ti chiediamo di consentire l'uso di cookie e tecnologie similari, al fine di personalizzare la tua user experience. Visita la nostra Informativa sulla privacy per saperne di più.