Curiosità
martedì, 17 Marzo 2015

“Con le nostre lampade portiamo la luce a chi vive al buio”

di Redazione
WakaWaka, il business etico occidentale che aiuta le popolazioni del terzo mondo.
(KIKA) – TORINO – ESCLUSIVO – Fare business con un occhio di riguardo per i bisogni delle popolazioni più povere e disagiate è possibile. WakaWaka – che in lingua Swahili significa “luce brillante” – ne è la dimostrazione pratica. Una lampada LED fotovoltaica, nata in Olanda nel 2011 e sviluppata grazie a una campagna di crowdfunding, in grado di produrre fino a 64 ore di luce vera con un giorno di esposizione al sole.

“Oggi WakaWaka è la lampada a energia solare più potente al mondo e rappresenta una soluzione straordinaria per quel miliardo e mezzo di persone che vive al di fuori della rete elettrica”, spiega Carlo Borgarelli, amministratore delegato di Keenergy, unico distributore italiano. Si riferisce agli abitanti delle aree rurali del Sudafrica che vivono con due dollari al giorno, ma anche alle perfierie urbane e alle popolazioni in condizioni di vita precarie per via di guerre ed emergenze ambientali come Siria, Haiti e Filippine. “Siamo talmente focalizzati sui nostri bisogni che spesso diamo per scontati molti dei nostri privilegi di occidentali. La nostra missione sociale si basa sull’ambizioso progetto di rendere la luce un diritto di tutti”.

La convinzione di Carlo Borgarelli e di WakaWaka è che la combinazione tra business e aiuto sociale sia il modo migliore per generare un impatto positivo, soddisfando bisogni e al contempo favorendo lo sviluppo. Pensiamo alla possibilità di aumentare, grazie a un’energia elettrica sostenibile, le ore di studio e di lavoro che creino istruzione e nuovi modelli di imprenditoria locale. Il tutto scongiurando l’ipotesi di pericolosi incidenti causati dalle ben più costose e inquinanti lampade a cherosene”.

DISPONIBILE INTERVISTA

Ultime in Curiosità
News correlate