Gossip
giovedì, 31 Marzo 2016

Sean Connery, quando disse no al Signore degli Anelli

di Simona Foti
Per il ruolo di Gandalf gli offrirono 25 milioni di euro e il 15% degli incassi, ma...
Sean Connery malato

Pensate che gli attori facciano di tutto per denaro? Ricredetevi, perché se un ruolo non li convince, nemmeno tutti i soldi del mondo potrebbero convincerli ad accettarlo: proprio come ha fatto Sean Connery, che lungi dall'essere malato di Alzheimer, come disse Michael Caine, ha invece le idee ben chiare sulla sua carriera.

Michael Caine, prima dichiara che Sean Connery è malato di Alzheimer, poi lo nega.

GUARDA LA GALLERY



L'attore ha infatti dichiarato di aver rinunciato a 283 milioni di sterline, più di 300 milioni di euro, per aver rifiutato il ruolo di Gandalf il Grigio nella saga cinematografica de Il Signore degli Anelli. Una cifra ragguardevole, che si ottiene sommando i 19 milioni di sterline (quasi 25 milioni di euro) che gli erano stati offerti e il 15% degli incassi, totali del film. La parte del mago amico degli hobbit andò poi a Ian McKellen e non sappiamo se Connery si sia pentito di non aver preso parte alla saga, che si è rivelata un grande successo, campione d'incassi e vincitrice di numerosi premi Oscar, un traguardo che all'attore scozzese ancora manca.


Guarda anche: Sean Connery malato... o morto? Per fortuna era una bufala!

Del resto Sean Connery non è né il primo né l'ultimo attore ad aver rifiutato una parte che ha poi fatto la fortuna di chi l'ha interpretata e per uno strano scherzo del destino anche lui ha beneficiato di questa curiosa legge del contrappasso al contrario: il ruolo che gli diede fama internazionale, quello di James Bond, andò a lui solo dopo che Cary Grant, cui era stato proposto, lo aveva a propria volta rifiutato.

Sappiamo bene cos'è successo in quel caso: oggi è impossibile pensare a James Bond senza immaginarlo con il volto di Sean Connery!

Oggi James Bond ha il volto di Daniel Craig: GUARDA IL VIDEO!


Loading the player...
Video di Mauro Fagiani


 

 

 

 

 
Ultime in Gossip
News correlate
Per continuare a navigare sul sito, in seguito al nuovo regolamento sulla privacy (GDPR), ti chiediamo di consentire l'uso di cookie e tecnologie similari, al fine di personalizzare la tua user experience. Visita la nostra Informativa sulla privacy per saperne di più.