Curiosità
mercoledì, 30 Marzo 2022

Marketing e fidelizzazione, lo scenario mutato dopo la pandemia

di Redazione
Marketing che cambia: qualche caso da cui prendere esempio.


Il post-Covid ha lasciato senza dubbio una certezza: il mondo, come si conosceva prima, non esiste né esisterà più. Tutto è cambiato in maniera anche drastica ed è percepibile già collegandosi online, dove la vita si è massicciamente trasferita. A mutare è stato soprattutto il marketing e la maniera di fidelizzare i clienti, che rappresentano poi il vero obiettivo di ogni attività che si rispetti.

Marketing che cambia: qualche esempio


Se prima i prodotti avevano una centralità differente, ad oggi il customer, il consumatore, ha una attenzione tutta sua. Difatti si parla sempre più di customer experience, come di un complesso di situazioni che tendono a mettere il cliente al centro di un processo molto complesso di soddisfacimento e appagamento. Il tutto per giungere alla fidelizzazione, che è il solco oltre il quale il cliente stesso stabilisce se un portale merita o meno la sua attenzione. Ma i prodotti, si diceva, vengono dopo.

Da qui innovativi strumenti sono stati applicati dai giganti dell’e-commerce, tra cui fa ovviamente scuola Amazon, che ha inaugurato una tendenza, in anni precedenti la pandemia, che ha portato come prima conseguenza all’eclissi del sistema classico di commercio e marketing. Hanno seguito a ruota tutti gli altri, dietro, capendo che l’innovazione è l’unico modo per sopravvivere e resistere in un contesto ultra-dinamico.

I social e il mondo del gambling

Hanno fatto seguito poi tutti gli altri campi. Il mondo dei social, così presente da più di un decennio, è completamente cambiato. Oggi si sente parlare di metaverso ma prima sono arrivati i market-place, la possibilità cioè di creare una rete e viverci senza mai uscirne. Lo confermano i dati sui social nel 2021, quantomai indicativi per capire in che direzione sta andando il mondo e quanto ancora cambieranno determinate dinamiche.

Un ottimo esempio di buon uso delle moderne strategie di marketing è offerto dal mondo del gambling online, anche questo un fenomeno crescente, alla pari dei social, e a buon merito tra i trend stabilizzatisi nell’ultimo biennio di pandemia. Gli operatori di casinò online hanno lanciato l’opzione dei bonus, particolari tipi di incentivi per arrivare ad un pubblico sempre più ampio e diversificato.

Tra questi particolarmente vantaggiosi si sono rivelati essere i bonus senza deposito non AAMS, intendendosi con questa dicitura tutti gli operatori operanti in Italia con licenza o europea o internazionale.  I dati testimoniano che gli utenti hanno particolarmente apprezzato questi bonus, in quanto i casinò del circuito non AAMS offrono il più delle volte incentivi maggiori e risultano essere quindi congeniali anche per una nuova generazione di giocatori, la più giovane, che di esperienze fisiche non sente più il bisogno.
Ultime in Curiosità
News correlate