Cinema
Milano - mercoledì, 7 Marzo 2018
Cristiana Capotondi contro gli abusi di potere in Nome di donna
La pellicola di Marco Tullio Giordana affronta un tema di grande attualità.
Cristiana Mainardi, Marco Tullio Giordana, Cristiana Capotondi - Milano - 07-03-2018 - Cristiana Capotondi contro gli abusi di potere in Nome di donna

(KIKA) - MILANO - Cristiana Capotondi è la protagonista del film diretto da Marco Tullio Giordana, Nome di donna.

GUARDA ANCHE: Gringo, il nuovo film di Charlize Theron

 "Questo personaggio vive una battaglia solitaria. La solitudine è la sua catapulta. Perché è tutta sola, tutta indietro e poi si lancia per rompere questa paura. Molto spesso quando si ha paura, poi si risponde con un'azione totalmente opposta. Dirompente", le parole dell'attrice ai media durante la conferenza di presentazione del film.

GUARDA ANCHE: Anche senza di te, l'amore secondo Myriam Catania

GUARDA LA GALLERY

Questa la trama della pellicola:

Nina (Cristiana Capotondi) si trasferisce da Milano in un piccolo paese della Lombardia, dove trova lavoro in una residenza per anziani facoltosi. Un mondo elegante, quasi fiabesco. Che cela però un segreto scomodo e torbido. Quando Nina lo scoprirà, sarà costretta a misurarsi con le sue colleghe, italiane e straniere, per affrontare il dirigente della struttura, Marco Maria Torri (Valerio Binasco) in un’appassionata battaglia per far valere i suoi diritti e la sua dignità.

Fanno parte del cast del film anche Valerio Binasco, Stefano Scandaletti, Michela Cescon, Bebo Storti, Laura Marinoni e Anita Kravos.

GUARDA IL VIDEO

Loading the player...
Video di Chiara Bruschi/Giuseppe Amodio

 

Ultimi video
Ultime gallerie in Cinema