Gossip
Venezia - giovedì, 2 Settembre 2021
Venezia 78, scatta l'ora di Paolo Sorrentino
L'attesa è finita È stata la mano di Dio debutta alla kermesse lagunare.
Paolo Sorrentino - Venezia - 02-09-2021 - Venezia 78, scatta l'ora di Paolo Sorrentino

(KIKA) -  VENEZIA -  Alla 78esima edizione della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia scatta l'ora che in Italia attendevano in molti: Paolo Sorrentino torna a raccontare le sue storie, questa volta con È stata la mano di Dio.

 

La storia di un ragazzo nella tumultuosa Napoli degli anni Ottanta. Il diciassettenne Fabietto Schisa è un ragazzo goffo che lotta per trovare il suo posto nel mondo, ma che trova gioia in una famiglia straordinaria e amante della vita. Fino a quando alcuni eventi cambiano tutto. Uno è l’arrivo a Napoli di una leggenda dello sport simile a un dio: l’idolo del calcio Maradona, che suscita in Fabietto, e nell’intera città, un orgoglio che un tempo sembrava impossibile. L’altro è un drammatico incidente che farà toccare a Fabietto il fondo, indicandogli la strada per il suo futuro. Apparentemente salvato da Maradona, toccato dal caso o dalla mano di Dio, Fabietto lotta con la natura del destino, la confusione della perdita e l’inebriante libertà di essere vivi. Nel suo film più commovente e personale, Sorrentino accompagna il pubblico in un viaggio ricco di contrasti fra tragedia e commedia, amore e desiderio, assurdità e bellezza, mentre Fabietto trova l’unica via d’uscita dalla catastrofe totale attraverso la propria immaginazione.

 

GUARDA ANCHE: Venezia 78, lo speciale

Queste le parole del regista premio Oscar: "È stata la mano di Dio è un racconto di formazione che mira, stilisticamente, a evitare le trappole dell’autobiografia convenzionale: iperbole, vittimismo, pietà, compassione e indulgenza al dolore, attraverso una messa in scena semplice, scarna ed essenziale e con musica e fotografia neutre e sobrie. La macchina da presa compie un passo indietro per far parlare la vita di quegli anni, come li ricordo io, come li ho vissuti, sentiti. In poche parole, questo è un film sulla sensibilità. E in bilico sopra ogni cosa, così vicino eppure così lontano, c’è Maradona, quell’idolo spettrale, alto un metro e sessantacinque, che sembrava sostenere la vita di tutti a Napoli, o almeno la mia".

Ultimi video
Ultime gallerie in Gossip