Spettacolo
martedì, 6 febbraio 2018

Ore 15:17 Attacco al treno: Clint Eastwood torna al cinema

Spencer Stone, Alek Skarlatos e Anthony Saldler interpretano se stessi.
Loading the player...

(KIKA) - LOS ANGELES - Spencer Stone, Alek Skarlatos e Anthony Saldler interpretano loro stessi nel nuovo film di Clint Eastwood, Ore 15:17 Attacco al treno, film in uscita l'8 febbraio che racconta l'attentato terroristico sul treno partito da Bruxelles e diretto a Parigi avvenuto il 21 agosto 2015 con a bordo 500 persone.

GUARDA ANCHE: Clint Eastwood, nel nuovo film i protagonisti sono quelli veri...

In quel caldo pomeriggio d'estate un uomo, Ayoub el-Khazzani, 25 anni, marocchino, ha imbracciato, armato fin al collo, un AK47 automatico con l'intenzione di fare una strage. A mandare a monte i suoi piani sono stati tre ventenni americani in vacanza: il primo a intervenire è stato Spencer Stone, 23 anni, medico militare: ha iniziato a correre versto Khazzani e lo ha disarmato. Quest'ultimo, preso dal panico, è stato poi bloccato dai due amici di Stone, Alek Skarlatos, 22, anche lui militare, e Anthony Sadler, 23, studente al college. Stone è stato accoltellato più volte e un altro passeggero, Mark Moogalian, 51 anni, è stato ferito con diversi colpi di arma da fuoco ma è sopravvissuto.

GUARDA ANCHE: Clint Eastwood a Venezia: al via le riprese del nuovo filmThe 15:17 to Paris

Quella che poteva essere una strage ha trasformato questi tre giovani in eroi e celebrità: dopo aver incontrato il presidente Barack Obama, ricevettero medaglie in Francia, Belgio e Stati Uniti e furono invitati ai talk show e in talent televisivi. Secondo loro, però, non c'è nulla di eroico nel loro gesto, quello che è successo fa parte di un piano più più grande, quello che Dio ha per ognuno di noi:

"Non sono state coincidenze, non puoi sapere quali piani Dio ha in serbo per te - ha spiegato Sadler, figlio di un pastore al Guardian - Quello che abbiamo capito è che noi dovevamo essere lì quel giorno, non eravamo lì per caso". “Eravamo paralizzati. Davanti a noi c'era un uomo con un AK47 automatico e pensi che l'unico finale sarà la tua morte - ha ricordato Stone, il primo a intervenire  - Abbiamo deciso di correre verso di lui ma senza la speranza di arrivarci effettivamente. Avevamo molta paura".

Ultimi in video in Spettacolo
Ultimi eventi in Spettacolo