Visti per voi
 
Christian Bale, protagonista della trilogia ne spiega il successo
Se chiedi a Christopher Nolan lui nega, dice che non era sua intenzione fare un film politico, eppure in The Dark Knight Rises, l'ultimo film della trilogia diretta dal regista di Inception, che vede protagonista Christian Bale, è molto facile notare riferimenti politici, economici e sociali.
The Dark Knight Rises, in uscita il 20 luglio negli States e il 29 agosto in Italia, mostra un attacco al cuore finanziario della città, mostra scorrettezze della classe politica, un attentato terroristico nel corso di un incontro di foodbal e i successivi disordini.

Eppure ecco cosa dice a riguardo il regista: “Non vedo questo film come un film politico, sono gli altri che lo vedono così, era successo anche per i film precedenti, ma davvero, il modo in cui noi produciamo, pensiamo, scriviamo Batman ha a che fare con l'intrattenimento. Noi raccontiamo una storia, poi, se questa storia dipinge una realtà non così lontana da quella che stiamo vivendo è perchè quello che vogliamo dare è emozione.
Così costruiamo il nostro “cattivo” in base a come il mondo vede oggi i cattivi. Ed è naturale che quando c'è una somiglianza fra il mondo che raccontiamo e quello reale, la gente ci veda dietro un messaggio politico. Ma io ho amato avere a che fare con Gotham, una città che non esiste. Questa circostanza mi ha dato molta libertà d'azione e rende possibile una universalità che New York o Chicago ci avrebbero negato. Gotham potrebbe essere in qualsiasi parte del mondo".

"Qualsiasi parte eccetto la Cina che aveva impedito la visione di The Dark Knight e che ora mette al vaglio questo terzo film. E' sottoposto ora all'esame della commissione – spiega ancora il regista – sapremo fra un mese se avrà mercato anche laggiù”.

Certo non deve essere d'aiuto l'incidente diplomatico in cui era stato coinvolto Bale lo scorso inverno, quando, in Cina per presentare The Flowers of War, imponente pamphlet storico diretto da Zhang Yimou, aveva tentato di fare visita al dissidente non vedente Chen Guangcheng, ed era stato malamente respinto dalle guardie cinesi.
Sicuramente la mia visita non è stata di aiuto. The Flowers of War ha comunque avuto un grande successo in Cina – spiega Bale – e anche Batman sarà visto, solo che sarà visto con sistemi non ufficiali, attraverso internet per esempio. Credo che alla fine, cosa mancherà da quel mercato, più che il pubblico, saranno gli incassi”.
Ultime in Visti per voi
News correlate