Visti per voi
 
Only lovers left alive apprezzato a Cannes, ma non ha vinto.
A Cannes è stato apprezzato ma non ha vinto. Only Lovers Left Alive,  di Jim Jarmush,  uno dei registi più originali del panorama contemporaneo americano era stato inserito all'ultimo momento nella lista dei film in concorso.

Si tratta di una storia di vampiri che vede protagonisti gli inglesi Tilda Swinton e Tom Hiddleston,  già visto nel ruolo di cattivo in The Avengers e ora calato nei panni di un vampiro depresso in questa storia d’amore, fatta di lunghe separazioni e rinnovati incontri, che Jarmush ha anche scritto.

Il regista, intervistato dall’attore James Franco per un sito online che si occupa di cinema indipendente, ha definito il suo film come una semplice storia d’amore: “E’ una lettera d’amore, una storia sentimentale fra due amanti eccentrici,  molto eccentrici,  infatti Adamo ed Eva sono innamorati da centinaia d’anni, non può essere altrimenti visto che sono due vampiri”.

Il regista di Daunbailò però spiega che la sua non è la solita storia di vampiri (una dichiarazione quasi obbligatoria in tempi in cui i vampiri paiono essere l’unico argomento a prova di box office a Hollywood):  “I miei Adamo ed Eva sono due outsiders, due personaggi bohémien, che hanno osservato l’umana natura per secoli. Loro non odiano gli umani, anzi, ne amano le espressioni artistiche, l’architettura, la letteratura, la scienza e lui, Adamo, il bravissimo Tom Hiddleston,  è una sorta di Amleto,  un personaggio sotterraneo e molto depresso a causa della sua osservazione nell’umana natura durante i secoli. Lei invece è un essere molto forte e volitivo. Ho voluto lei, Tilda Swinton,  perché mi ha sempre trasmesso questa forza”.


Jim Jarmush dunque intende usare il tema evergreen delle vampire story per fare una sua osservazione, piuttosto critica e severa, dell’umana natura. “Non è una storia classica, non ci sono giugulari da morsicare per succhiarne il sangue,  è piuttosto la visione, in diretta e distaccata, della storia umana”.

Attraversare il mondo e osservare l’uomo per centinaia d’anni. E’ questo infatti, secondo il regista, il fascino delle storie che hanno a che fare con i vampiri. “Lei, ad esempio, Eva, ha in casa le pareti rivestite di librerie e libri, sa leggere in tutte le lingue. Ha le conoscenze che solo chi vive a lungo, molto più a lungo della media, puo’ avere. Lui invece ama la scienza e la musica, e si esprime attraverso la musica, vibrazione degli strumenti ad arco.
Ultime in Visti per voi
News correlate
Per continuare a navigare sul sito, in seguito al nuovo regolamento sulla privacy (GDPR), ti chiediamo di consentire l'uso di cookie e tecnologie similari, al fine di personalizzare la tua user experience. Visita la nostra Informativa sulla privacy per saperne di più.